martedì 24 gennaio | 08:52
pubblicato il 04/nov/2013 13:03

Ambiente: Commissione Europea, stop ai sacchetti di plastica

Ambiente: Commissione Europea, stop ai sacchetti di plastica

(ASCA) - Bruxelles, 4 nov - La Commissione europea ha adottato oggi una proposta di legge che obbliga gli Stati membri a ridurre l'uso delle borse di plastica in materiale leggero. Saranno gli Stati a decidere come farlo: facendole pagare, stabilendo obiettivi nazionali di riduzione, vietandole a determinate condizioni oppure in altri modi che riterranno piu' adatti. Per lo piu' utilizzate una volta sola, le borse di plastica leggere possono pero' resistere nell'ambiente centinaia di anni, spesso sotto forma di microparticelle i cui effetti dannosi sono noti, soprattutto per l'ambiente marino.

''Ci siamo mossi per risolvere un gravissimo problema ambientale che e' sotto gli occhi di tutti'', ha detto Janez Potocnik, Commissario per l'Ambiente, ricordando che ''ogni anno in Europa sono piu' di 8 miliardi le borse di plastica che si trasformano in immondizia, con pesanti danni per l'ambiente. Alcuni Stati membri sono gia' riusciti a limitare di molto il loro uso e se altri facessero altrettanto il consumo in tutta l'Unione europea potrebbe addirittura ridursi dell'80%''. Tecnicamente la proposta modifica la direttiva sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio introducendo due elementi: da un lato, obbligando gli Stati membri ad adottare misure che riducano il consumo di borse di plastica di spessore inferiore a 50 micron, meno riutilizzate rispetto a quelle di spessore superiore e quindi piu' a rischio ''usa e getta''; dall'altro, lasciando agli Stati la scelta del tipo di misure, che possono consistere in strumenti economici, come imposte e prelievi, obiettivi nazionali di riduzione e restrizioni alla commercializzazione (nel rispetto pero' delle norme in materia di mercato interno contenute nel trattato sul funzionamento dell'UE.

La proposta e' stata modulata sull'esempio di vari Stati membri e scaturisce dall'invito dei ministri per l'Ambiente dell'UE alla Commissione di valutare il margine d'intervento dell'Unione su questo fronte, intervento peraltro ampiamente caldeggiato dai cittadini, come si e' potuto ricavare dalla vasta consultazione pubblica che ha preceduto l'elaborazione del testo.

E' comprovato che i mari europei sono il ricettacolo di grandi quantita' di rifiuti.

Si stima che nel 2010 siano stati immessi nel mercato dell'UE 98,6 miliardi di sacchetti di plastica, il che significa che ogni cittadino europeo ne ha usati 198 e presumibilmente ne ha riutilizzati ben poche, poiche' la maggior parte di questi sacchetti sono di materiale leggero e di fatto vengono riutilizzate meno rispetto alle borse piu' robuste. Le cifre sul consumo di sacchetti di plastica in materiale leggero indicano grandi differenze tra gli Stati membri: si va dai 4 sacchetti annui pro capite di Danimarca e Finlandia, ai 466 di Polonia, Portogallo e Slovacchia. L'Italia e' in una posizione intermedia, con 181 sacchetti annui pro capite.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4