lunedì 16 gennaio | 23:32
pubblicato il 26/lug/2013 16:59

Ambiente: Cdm approva ddl su demolizione abusi edili zone alto rischio

(ASCA) - Roma, 26 lug - Su proposta del ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Andrea Orlando, l'odierno Consiglio dei ministri ha approvato uno schema di disegno di legge che introduce un meccanismo per rendere piu' agevole la rimozione e la demolizione di opere ed immobili realizzati abusivamente nelle aree del Paese classificate a rischio idrogeologico elevato. A tal scopo le risorse previste per l'anno ammontano a 10 milioni di euro.

Nello specifico - riferisce una nota di Palazzo Chigi - nelle zone oggetto del ddl le condizioni di fragilita' del territorio (frane, alluvioni, erosione costiera etc.) rendono particolarmente urgente la necessita' di realizzare interventi di messa in sicurezza, la cui concreta attuazione deve spesso fare i conti con l'esistenza di manufatti abusivi di vario genere: la mancata rimozione o demolizione di queste strutture realizzate illecitamente impedisce, o rende piu' difficoltosa, la progettazione e la realizzazione degli indispensabili interventi in questione. L'abusivismo edilizio presenta d'altronde dati molto significativi: il Cresme, ad esempio, ha censito 258 mila immobili abusivi (tra nuove edificazioni e ampliamenti di rilevante entita') realizzati a cavallo tra il 2003 e il 2011. A tale quadro fa da riscontro, purtroppo, un ulteriore dato, altrettanto significativo, rappresentato dal deficit di attuazione delle ordinanze di demolizione riscontrabile su tutto il territorio nazionale. Nella maggior parte dei casi, all'accertamento dell'abuso e all'adozione del relativo ordine di demolizione non consegue infatti l'esecuzione: dal 2000 al 2011, si e' ad esempio stimato che in 72 comuni capoluogo di provincia, su 46.760 ordinanze emesse, solo 4.956 hanno avuto luogo.

Una delle cause di questo deficit esecutivo e' sicuramente attribuibile al fatto che, secondo le attuali norme, le amministrazioni comunali hanno l'obbligo di agire in sostituzione del soggetto inadempiente per poi rivalersi economicamente su di esso per le spese sostenute. Cio' comporta per gli enti locali l'esigenza di rilevanti disponibilita' finanziarie immediate. Ma spesso, come sappiamo, queste disponibilita' non ci sono.

Per far fronte a questa mancanza di risorse, la legge prevede l'istituzione di un nuovo capitolo nello stato di previsione della spesa del Ministero dell'Ambiente che rendera' disponibili ai Comuni che ne faranno richiesta appositi finanziamenti per la rimozione o la demolizione dei manufatti realizzati in assenza o in totale difformita' del permesso di costruire. Per il 2013 e' previsto uno stanziamento di 10 milioni di euro.

red/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello