martedì 06 dicembre | 19:48
pubblicato il 03/mag/2013 12:00

Altolà Pd guida Cav Convenzione riforme. Pdl: Spetta centrodestra

Stop di Renzi-Fassina. Cicchitto: Sinistra ha già altre cariche

Altolà Pd guida Cav Convenzione riforme. Pdl: Spetta centrodestra

Roma, 3 mag. (askanews) - Appena chiuso il capitolo della squadra di governo, e non ancora sopiti i malumori all'interno dei singoli partiti della maggioranza, la partita politica si è già spostata sulla Convenzione per le riforme che, nei desiderata espressi dal premier Enrico Letta, ha un orizzonte minimo di 18 mesi prima di essere sottoposta a tagliando. In tutto 75 componenti e un presidente. Ed è su questo punto che, ancora prima che l'assemblea veda la luce, stanno sorgendo i primi problemi. Perchè tra Pd e Pdl è già forte l'attrito su chi e come debba farne parte e, soprattutto, su chi la debba guidare. Nei giorni scorsi era stato lo stesso Silvio Berlusconi ad 'autocandidarsi' pubblicamente a tale ruolo. Il Cavaliere in questi giorni avrebbe più volte confidato ai suoi interlocutori il desiderio di legare il proprio nome a quello della riforma della Costituzione. Ma gli altolà dai colleghi di maggioranza del Pd si moltiplicano e oggi trovano in Matteo Renzi uno dei più convinti sostenitori. Il sindaco di Firenze, infatti, si sarebbe sfogato in questi termini: "Non è che possiamo arrivare a trasformarlo in un padre costituente". Anche il neo vice ministro all'Economia, Stefano Fassina, si sbilancia definendo il Cavaliere non adatto a guidare la Convenzione. Pesa anche la posizione del 'saggio' Luciano Violante che non soltanto invita a evitare di dare la guida dell'assemblea a un esponente del Pdl, visto che il partito ha già il ministro delle Riforme con Quagliariello, ma propone espressamente di lasciare fuori i parlamentari. Parole a cui reagiscono gli esponenti di via dell'Umiltà. Fabrizio Cicchitto lo dice esplicitamente: "no a preclusioni", la presidenza della Convenzione dovrebbe andare a un esponente di spicco del centrodestra "anche perché tutte le cariche di rilievo politico istituzionale sono state ricoperte da esponenti della sinistra". A definire "inappropriate" le dichiarazioni contro l'ipotesi di una presidenza Berlusconi è anche la deputata del Pdl, Barbara Saltamartini. "Continuare ogni giorno a porre veti su qualsiasi questione - dice - non contribuisce al clima di dialogo che quantomeno dovrebbe esserci a poche ore dalla costituzione di un governo di larghe intese che si appresta a avviare un percorso difficilissimo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni