martedì 17 gennaio | 17:02
pubblicato il 25/set/2014 19:41

*Allarme Renzi a Onu: in Libia si rischia punto di non ritorno

"Non si puo' sottovalutare focolaio, conseguenze esiziali" (ASCA) - New York, 25 set 2014 - "Non possiamo sottovalutare questo focolaio nel cuore del Mediterraneo, che rischia di segnare il punto di non ritorno nel crinale di violenza ed instabilita' della regione". E' l'allarme lanciato dal premier Matteo Renzi all'Assemblea Generale dell'Onu sulla situazione in Libia.

"La priorita' oggi e' la Libia, il nostro amico popolo libico che sta vivendo la sofferenza di una transizione che sembra non finire mai. L'Italia continuera' a fare la propria parte ed a chiamare a raccolta i partner internazionali", che non puo' sottovalutare la soluzione, altrimenti, sottolinea il presidente del Consiglio, "le conseguenze di un'ulteriore frammentazione in Libia sarebbero esiziali per la pace e la stabilita' dell'intera regione. La Libia deve essere una priorita' per tutti".

Rea

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Ue vuole manovra bis Italia, Gentiloni mercoledì da Merkel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, aziende: con piano Space Economy Italia giusta direzione
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa