mercoledì 07 dicembre | 23:42
pubblicato il 25/set/2014 19:41

*Allarme Renzi a Onu: in Libia si rischia punto di non ritorno

"Non si puo' sottovalutare focolaio, conseguenze esiziali" (ASCA) - New York, 25 set 2014 - "Non possiamo sottovalutare questo focolaio nel cuore del Mediterraneo, che rischia di segnare il punto di non ritorno nel crinale di violenza ed instabilita' della regione". E' l'allarme lanciato dal premier Matteo Renzi all'Assemblea Generale dell'Onu sulla situazione in Libia.

"La priorita' oggi e' la Libia, il nostro amico popolo libico che sta vivendo la sofferenza di una transizione che sembra non finire mai. L'Italia continuera' a fare la propria parte ed a chiamare a raccolta i partner internazionali", che non puo' sottovalutare la soluzione, altrimenti, sottolinea il presidente del Consiglio, "le conseguenze di un'ulteriore frammentazione in Libia sarebbero esiziali per la pace e la stabilita' dell'intera regione. La Libia deve essere una priorita' per tutti".

Rea

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni