sabato 03 dicembre | 10:54
pubblicato il 15/ott/2013 13:22

Alimentazione: De Girolamo, sequestrati 77mila kg prodotti irregolari

Alimentazione: De Girolamo, sequestrati 77mila kg prodotti irregolari

(ASCA) - Roma, 15 ott - ''Ho chiesto fin dai primi giorni del mio mandato che gli accertamenti sulla filiera agroalimentare fossero intensificati e razionalizzati. Per questo non nascondo la grande soddisfazione che provo nel vedere quali risultati stia dando il programma di controlli straordinari, che abbiamo avviato con azioni congiunte del nostro Ispettorato, l'Icqrf, con i Nac dei carabinieri. Proprio in questi giorni, infatti, sono stati sequestrati piu' di 77.000 kg di prodotti e oltre 600.000 etichette irregolari, che portano a 2 milioni le componenti di packaging ingannevoli scoperte dall'inizio del 2013. Quella a tutela della qualita' e dell'autenticita' delle nostre produzioni e' una battaglia sulla quale terremo sempre ben alta la guardia''.

Lo afferma il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo, commentando in una nota i risultati dei controlli svolti in collaborazione tra l'ispettorato Controllo qualita' e Repressione frodi (Icqrf) del Mipaaf con il Nucleo antifrodi carabinieri (Nac).

''Molte delle infrazioni e, peggio, delle frodi - ha proseguito il Ministro - hanno riguardato l'indebito uso dei marchi a denominazione, con un danno ancora piu' forte per i consumatori, che fanno affidamento sulla qualita' dei prodotti, e per i produttori di autentiche eccellenze che ovviamente subiscono una concorrenza sleale. Il messaggio che con queste azioni vogliamo lanciare e' chiaro: l'impegno per il rispetto della legalita' e' massimo, senza sconti per nessuno''.

Gli accertamenti sono stati effettuati in particolare sulla commercializzazione dei prodotti con marchi di qualita' Dop, Igp, Stg, Biologico, in diversi settori merceologici tra i quali il lattiero-caseario, l'ortofrutticolo e dei prodotti gastronomici lavorati. Ammonta ad oltre 12 milioni di euro il valore delle frodi ai danni dell'Ue accertate nel 2013 dai Nac del Comando carabinieri Politiche agricole e alimentari con indagini tecnico-finanziarie sviluppate con mirate ''analisi di rischio'' ed accurate verifiche documentali, riscontri sulle banche dati, sui sistemi di rilevazione geosatellitari e con i ''controlli in campo''. In questo contesto i nuovi strumenti operativi adottati dai Nuclei Antifrodi Carabinieri sono rappresentati in particolare dai sequestri preventivi ''per equivalente'' che consentono di congelare tempestivamente i beni e valori corrispondenti ai finanziamenti illecitamente percepiti assicurando cosi' con immediatezza le ''azioni di recupero'', che altrimenti le ''procedure di infrazione'' delle Istituzioni UE porrebbero a carico dell'Italia e conseguentemente del comparto agroalimentare nazionale con decurtazioni sulle assegnazioni dei fondi della Politica agricola comune (Pac). com-stt/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari