lunedì 16 gennaio | 20:21
pubblicato il 02/dic/2013 12:00

Alfano: Renzi vuole la sedia di Letta ma non tiri troppo la corda

Il vicepremier: perchè dovrei temere vendetta Berlusconi?

Alfano: Renzi vuole la sedia di Letta ma non tiri troppo la corda

Roma, 2 dic. (askanews) - Renzi "vuole prendersi la sedia di Letta" e cerca di far "fibrillare il governo", ma non deve tirare troppo la corda, avverte Angelino Alfano. In un'intervista a La Repubblica, il vicepremier propone un patto per il 2014 per poi tornare alle urne nel 2015. E lancia un monito al probabile futuro segretario del Pd: "Non abbiamo paura di andare a votare anche prima. Decida lui se assumersi la responsabilità di far cadere il presidente del consiglio del suo partito". Il ragionamento è che Renzi attacchi Alfano per attaccare in realtà Letta. "Certo, è un modo per far fibrillare il governo. Tra una settimana però ci sarà il nuovo segretario del Pd e finalmente avranno altro cui pensare - dice Alfano - Da mesi il go- verno è condizionato dal loro scontro interno. Magari adesso riusciranno a pensare anche ai problemi del Paese". Alfano assicura di non aver paura di andare alle urne. E anche di non temere la vendetta di Berlusconi. "Perché dovrei? Siamo decisivi per il futuro del centrodestra", afferma. Il "contratto di governo" proposto, Italia 2014, "deve durare un anno e deve contenere alcune questioni ineludibili. Senza le quali non firmeremo il contratto". Poi nel 2015 si andrà al voto. Il rimpasto? "Non è un tema che ci appassiona. Valuteremo tutti insieme. Ma è prioritario l'interesse del Paese". Ora, secondo il vicepremier, si può fare anche la riforma della giustizia, "se il Pd sarà leale". Perchè "avevano sempre la scusa di Berlusconi. Ora non hanno alibi su abuso della custodia cautelare, certezza della pena, equilibrio tra uso delle intercet- tazioni e tutela della privacy". Per la separazione delle carriere, invece, "temo che dovremo aspettare di vincere le elezioni", aggiunge. Alfano dribbla la domanda sulla possibilità che Berlusconi sia candidato premier. "Non strattoniamo il presidente Berlu- sconi in un momento così delicato", dice. Nessuna risposta anche su una sua eventuale candidatura. " una discussione prematura. Anche perché noi ci batteremo per le primarie".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello