lunedì 20 febbraio | 01:09
pubblicato il 02/dic/2013 12:00

Alfano: Renzi vuole la sedia di Letta ma non tiri troppo la corda

Il vicepremier: perchè dovrei temere vendetta Berlusconi?

Alfano: Renzi vuole la sedia di Letta ma non tiri troppo la corda

Roma, 2 dic. (askanews) - Renzi "vuole prendersi la sedia di Letta" e cerca di far "fibrillare il governo", ma non deve tirare troppo la corda, avverte Angelino Alfano. In un'intervista a La Repubblica, il vicepremier propone un patto per il 2014 per poi tornare alle urne nel 2015. E lancia un monito al probabile futuro segretario del Pd: "Non abbiamo paura di andare a votare anche prima. Decida lui se assumersi la responsabilità di far cadere il presidente del consiglio del suo partito". Il ragionamento è che Renzi attacchi Alfano per attaccare in realtà Letta. "Certo, è un modo per far fibrillare il governo. Tra una settimana però ci sarà il nuovo segretario del Pd e finalmente avranno altro cui pensare - dice Alfano - Da mesi il go- verno è condizionato dal loro scontro interno. Magari adesso riusciranno a pensare anche ai problemi del Paese". Alfano assicura di non aver paura di andare alle urne. E anche di non temere la vendetta di Berlusconi. "Perché dovrei? Siamo decisivi per il futuro del centrodestra", afferma. Il "contratto di governo" proposto, Italia 2014, "deve durare un anno e deve contenere alcune questioni ineludibili. Senza le quali non firmeremo il contratto". Poi nel 2015 si andrà al voto. Il rimpasto? "Non è un tema che ci appassiona. Valuteremo tutti insieme. Ma è prioritario l'interesse del Paese". Ora, secondo il vicepremier, si può fare anche la riforma della giustizia, "se il Pd sarà leale". Perchè "avevano sempre la scusa di Berlusconi. Ora non hanno alibi su abuso della custodia cautelare, certezza della pena, equilibrio tra uso delle intercet- tazioni e tutela della privacy". Per la separazione delle carriere, invece, "temo che dovremo aspettare di vincere le elezioni", aggiunge. Alfano dribbla la domanda sulla possibilità che Berlusconi sia candidato premier. "Non strattoniamo il presidente Berlu- sconi in un momento così delicato", dice. Nessuna risposta anche su una sua eventuale candidatura. " una discussione prematura. Anche perché noi ci batteremo per le primarie".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia