mercoledì 22 febbraio | 17:02
pubblicato il 09/gen/2015 10:31

Alfano: nessun segnale di rischio terrorismo per l'Italia

L'informativa del ministro dopo strage a Parigi

Alfano: nessun segnale di rischio terrorismo per l'Italia

Milano, 9 gen. (askanews) - "Non abbiamo in questo preciso momento

segnali che indichino l'Italia o gli interesi italiani come

esposti a specifici ed attuali forme di rischio", dopo

l'attentato di Parigi. A ribadirlo è stato stamane il ministro

dell'Interno, Angelino Alfano nel corso della sua informativa

urgente alla Camera.

Quello dei 'foreign fighters' non è l'unico fattore di potenziale

rischio per l'Italia, ha poi precisato Alfano "essendo l'Italia

esposta all'insidia terroristica per altre consistenti ragioni,

la prima delle quali - ha ricordato - è rinvenibile nel

privilegio di ospitare la massima autorità del cattolicesimo, a

volte additata nei farneticanti messaggi ai Al Bagdadi tra i

possibili bersagli. Inoltre la tradizionale vocazione atrantista

del nostro paese e l'amicizia con gli Stati Uniti rappresentano

altri fattori di potenziale esposizione al fondamentalismo

terrorista".

Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe