domenica 22 gennaio | 01:02
pubblicato il 25/mag/2012 14:37

Alfano lancia 'Fed per Italia':Ma non tiriamo nessuno per giacca

Primarie per premiership del 2013 e per priorità programma

Alfano lancia 'Fed per Italia':Ma non tiriamo nessuno per giacca

Roma, 25 mag. (askanews) - Una "grande alleanza degli "innovatori", "liberali", "riformisti" e "moderati". In tre parole: una Federazione per l'Italia. E' il "nuovo soggetto aperto" lanciato dal segretario del Pdl, Angelino Alfano, nel corso della conferenza stampa in cui, con Silvio Berlusconi, ha lanciato la proposta di riforma della Costituzione sul modello francese. "In un contesto di istituzioni rinnovate, anche i partiti a nostro avviso - ha detto - dovranno rinnovarsi sia a destra che a sinistra. Per quanto riguarda il nostro campo, ci rivogliamo a tutti i cittadini e a tutti i leader politici che si sentano di costruire una grande alleanza degli innovatori, dei liberali, dei riformisti, dei moderati e dell'area alternativa alla sinistra. In sostanza un'alleanza che raccolga tutte le nostre tradizioni e la nostra cultura. Quello a cui pensiamo è un soggetto aperto, i cui vertici siano scelti dai militanti, dai sostenitori, il cui programma sia frutto delle più ampie partecipazioni e consultazioni, in cui siano aperti tutti i canali di comunicazione con la società". "Il Popolo della libertà e noi personalmente - ha sottolineato Alfano - mettiamo a disposizione di questo progetto la nostra storia, il nostro patrimonio e il nostro futuro. Chiediamo a tutti di comprendere il nuovo tempo che è già qui: una nuova alleanza non può nascere nel chiuso di una stanza da intese ristrette o da intese di vertice. Occorre aprirsi alla società, a tutti i protagonisti, alla partecipazione diretta, fisica e telematica, di tutti i cittadini. Lo stesso modello organizzativo del nuovo soggetto politico dovrà ispirarsi a questo criterio di trasparenza, di partecipazione, di democrazia diretta. Quindi proponiamo, e siamo disponibili a concorrere a organizzare primarie aperte per la scelta della candidatura alla premiership per il 2013 e primarie di programma per le priorità di contenuto su cui impegnare l'alleanza". "Lo dico con grandissima serenità: noi, a tutti coloro ai quali ci rivolgiamo, non chiediamo una risposta oggi perché - ha sottolineato il segretario del Pdl - noi non vogliamo tirare per la giacca nessuno. Chiediamo di riflettere su questa proposta. Sappiamo che non è facile e sappiamo che la suggestione che noi pensiamo di proporre non può essere raccolta nello spazio di un pomeriggio. Ma chiediamo un'attenzione operosa che possa avere un suo sviluppo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4