domenica 04 dicembre | 11:19
pubblicato il 25/mag/2012 14:37

Alfano lancia 'Fed per Italia':Ma non tiriamo nessuno per giacca

Primarie per premiership del 2013 e per priorità programma

Alfano lancia 'Fed per Italia':Ma non tiriamo nessuno per giacca

Roma, 25 mag. (askanews) - Una "grande alleanza degli "innovatori", "liberali", "riformisti" e "moderati". In tre parole: una Federazione per l'Italia. E' il "nuovo soggetto aperto" lanciato dal segretario del Pdl, Angelino Alfano, nel corso della conferenza stampa in cui, con Silvio Berlusconi, ha lanciato la proposta di riforma della Costituzione sul modello francese. "In un contesto di istituzioni rinnovate, anche i partiti a nostro avviso - ha detto - dovranno rinnovarsi sia a destra che a sinistra. Per quanto riguarda il nostro campo, ci rivogliamo a tutti i cittadini e a tutti i leader politici che si sentano di costruire una grande alleanza degli innovatori, dei liberali, dei riformisti, dei moderati e dell'area alternativa alla sinistra. In sostanza un'alleanza che raccolga tutte le nostre tradizioni e la nostra cultura. Quello a cui pensiamo è un soggetto aperto, i cui vertici siano scelti dai militanti, dai sostenitori, il cui programma sia frutto delle più ampie partecipazioni e consultazioni, in cui siano aperti tutti i canali di comunicazione con la società". "Il Popolo della libertà e noi personalmente - ha sottolineato Alfano - mettiamo a disposizione di questo progetto la nostra storia, il nostro patrimonio e il nostro futuro. Chiediamo a tutti di comprendere il nuovo tempo che è già qui: una nuova alleanza non può nascere nel chiuso di una stanza da intese ristrette o da intese di vertice. Occorre aprirsi alla società, a tutti i protagonisti, alla partecipazione diretta, fisica e telematica, di tutti i cittadini. Lo stesso modello organizzativo del nuovo soggetto politico dovrà ispirarsi a questo criterio di trasparenza, di partecipazione, di democrazia diretta. Quindi proponiamo, e siamo disponibili a concorrere a organizzare primarie aperte per la scelta della candidatura alla premiership per il 2013 e primarie di programma per le priorità di contenuto su cui impegnare l'alleanza". "Lo dico con grandissima serenità: noi, a tutti coloro ai quali ci rivolgiamo, non chiediamo una risposta oggi perché - ha sottolineato il segretario del Pdl - noi non vogliamo tirare per la giacca nessuno. Chiediamo di riflettere su questa proposta. Sappiamo che non è facile e sappiamo che la suggestione che noi pensiamo di proporre non può essere raccolta nello spazio di un pomeriggio. Ma chiediamo un'attenzione operosa che possa avere un suo sviluppo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari