lunedì 05 dicembre | 15:57
pubblicato il 16/ott/2013 12:00

Alfano: L. Stabilità senza più tasse, Pdl si conferma sentinella

"per la prima volta da anni non mette mani in tasche italiane"

Alfano: L. Stabilità senza più tasse, Pdl si conferma sentinella

Roma, 16 ott. (askanews) - "La legge di stabilità non mette le mani nelle tasche degli italiani. Anzi, per la prima volta dopo molti anni, la pressione fiscale sui cittadini, famiglie e imprese diminuirà, passando nel prossimo triennio dal 44,3% del 2014 al 43,3% del 2016. Il Pdl si è dunque confermato 'sentinella anti-tasse'. Lo ha affermato il vicepremier Angelino Alfano segretario del Pdl. "Pur essendo condizionati da situazioni sfavorevoli (la crisi economica che continua e i vincoli europei) che avrebbero influito su qualunque governo - ha proseguito Alfano in una dichiarazione - abbiamo messo in campo misure a favore dell'occupazione della famiglie, facendo innanzitutto dimagrire lo stato con un taglio netto della spesa pubblica e un piano di dismissioni pubbliche. La nostra visione si è dunque realizzata: meno spesa pubblica, meno debito pubblico, meno tasse e più investimenti". insomma , "dopo una lunga cura antibiotica l'Italia ora ha bisogno di vitamine per tornare a crescere". "Con questa manovra - ha detto ancora Alfano- abbiamo iniziato a somministrare le vitamine degli investimenti senza fare debito e soprattutto senza aumentare le tasse. Abbiamo pertanto rifinanziato l'eco bonus per le ristrutturazioni edilizie e l'acquisto di arredi, sostenendo cosi' gli investimenti privati. Abbiamo allentato il patto di stabilita' per i Comuni al fine di favorire gli investimenti locali e riattivare il settore dell'edilizia. Siamo intervenuti sul costo del lavoro riducendo l'Irpef per i lavoratori e l'Irap per le imprese". "E' l'inizio - ha concluso il vicepremier, segretario del Pdl- di un percorso che andra' certamente perseguito con ulteriore convinzione nel futuro e soprattutto rafforzato e migliorato in Parlamento. Non ci siamo dimenticati dei piu' deboli e abbiamo rifinanziato la Social card e il 5 per mille, riconoscendo il valore straordinario del no profit in Italia. Non abbiamo tagliato la Sanita' e abbiamo rifinanziato gli ammortizzatori sociali"

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari