martedì 24 gennaio | 05:58
pubblicato il 16/ott/2013 12:00

Alfano: L. Stabilità senza più tasse, Pdl si conferma sentinella

"per la prima volta da anni non mette mani in tasche italiane"

Alfano: L. Stabilità senza più tasse, Pdl si conferma sentinella

Roma, 16 ott. (askanews) - "La legge di stabilità non mette le mani nelle tasche degli italiani. Anzi, per la prima volta dopo molti anni, la pressione fiscale sui cittadini, famiglie e imprese diminuirà, passando nel prossimo triennio dal 44,3% del 2014 al 43,3% del 2016. Il Pdl si è dunque confermato 'sentinella anti-tasse'. Lo ha affermato il vicepremier Angelino Alfano segretario del Pdl. "Pur essendo condizionati da situazioni sfavorevoli (la crisi economica che continua e i vincoli europei) che avrebbero influito su qualunque governo - ha proseguito Alfano in una dichiarazione - abbiamo messo in campo misure a favore dell'occupazione della famiglie, facendo innanzitutto dimagrire lo stato con un taglio netto della spesa pubblica e un piano di dismissioni pubbliche. La nostra visione si è dunque realizzata: meno spesa pubblica, meno debito pubblico, meno tasse e più investimenti". insomma , "dopo una lunga cura antibiotica l'Italia ora ha bisogno di vitamine per tornare a crescere". "Con questa manovra - ha detto ancora Alfano- abbiamo iniziato a somministrare le vitamine degli investimenti senza fare debito e soprattutto senza aumentare le tasse. Abbiamo pertanto rifinanziato l'eco bonus per le ristrutturazioni edilizie e l'acquisto di arredi, sostenendo cosi' gli investimenti privati. Abbiamo allentato il patto di stabilita' per i Comuni al fine di favorire gli investimenti locali e riattivare il settore dell'edilizia. Siamo intervenuti sul costo del lavoro riducendo l'Irpef per i lavoratori e l'Irap per le imprese". "E' l'inizio - ha concluso il vicepremier, segretario del Pdl- di un percorso che andra' certamente perseguito con ulteriore convinzione nel futuro e soprattutto rafforzato e migliorato in Parlamento. Non ci siamo dimenticati dei piu' deboli e abbiamo rifinanziato la Social card e il 5 per mille, riconoscendo il valore straordinario del no profit in Italia. Non abbiamo tagliato la Sanita' e abbiamo rifinanziato gli ammortizzatori sociali"

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4