mercoledì 22 febbraio | 03:09
pubblicato il 19/nov/2014 20:44

Alfano: da Cda Rai gesto stupido, apre strada a nuova governance

"Hanno dimostrato che così com'è non si può andare avanti"

Alfano: da Cda Rai gesto stupido, apre strada a nuova governance

Roma, 19 nov. (askanews) - Il ricorso contro il taglio di 150 milioni deciso dal Cda Rai è "un gesto stupido" che "può aprire la strada ad una riforma vera della governance Rai, non solo ad un nuovo Cda". Lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano, ospite di 'Otto e mezzo'.

Alfano spiega che "non ho parlato di questo con Renzi", ma i consiglieri Rai in questo modo "hanno dimostrato che il meccanismo partitizzato" per la governance di viale Mazzini "fa dei guasti. Hanno evidenziato come così com'è non si può andare acvantai: è la dimostrazione che i partiti ci devono stare poco dentro la Rai".

Nel merito, il ricorso "è una decisione inopportuna, una solenne stupidaggine. Come gli salta in mente di ricorrere contro il proprio azionista, il proprio editore che chiede di tagliare... E' un atto contro se stessi, contro la Rai, un gesto stupido".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia