domenica 11 dicembre | 00:05
pubblicato il 28/feb/2011 13:42

Afghanistan/ Schifani: Italia paga alto prezzo, ma non si ritira

Andremo via quando la democrazia sarà completa

Afghanistan/ Schifani: Italia paga alto prezzo, ma non si ritira

Barete (L'Aquila), 28 feb. (askanews) - Il presidente del Senato, Renato Schifani, ha manifestato "profondo dolore" per il militare italiano caduto in Afghanistan e per i feriti, altre vittime "che cadono sull'altare della democrazia. L'Italia - ha detto il presidente del Senato - continua a pagare degli alti prezzi, ma lo fa in piena coscienza e nella consapevolezza che la libertà è un bene da garantire anche al di fuori dei propri confini". In visita a Barete, in provincia dell'Aquila, Schifani ha sottolineato ancora che "l'Italia non può che rimanere in Afghanistan. La nostra presenza - ha sottolineato il presidente del Senato - è condivisa all'interno della comunità internazionale e sarà questa a decidere i metodi di rilascio e di abbandono di quel paese, che sicuramente avverranno quando l'Afghanistan sarà portato a piena democrazia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina