venerdì 09 dicembre | 01:56
pubblicato il 19/gen/2011 19:20

Afghanistan/ La Russa: Premier conferma impegno, ne vale la pena

Ministro: mantenere fede ad impegno, ma ridurre i rischi

Afghanistan/ La Russa: Premier conferma impegno, ne vale la pena

Roma, 19 gen. (askanews) - L'impegno militare italiano in Afghanistan va avanti. Non ci sono divisioni né contrasti, a tal proposito, tra le fila del governo. E anche Silvio Berlusconi, che a poche ore dall'uccisione del caporal maggiore Luca Sanna si era chiesto se ne valesse la pena, è giunto alla stessa conclusione: "Il presidente del Consiglio mi ha confermato che ne vale dolorosamente la pena", ha detto oggi alla Camera Ignazio La Russa. "Non c'è dubbio che il nostro obiettivo è quello di completare la nostra missione, di mantenere fede all'impegno assunto nell'ambito di una importante azione multinazionale per la stabilizzazione di quell'area. Questo è il convincimento di Berlusconi e pure il mio", ha spiegato il ministro. Benché ci si interroghi, dunque, sul senso della missione, non si può "vanificare lo sforzo di chi è lì da tanto tempo". Il modo "migliore" per "onorare" Sanna e tutti gli altri caduti italiani "è proprio quello di non svilirne il sacrificio con inutili polemiche, completando una missione il cui unico scopo è quello di ridare pace e dignità agli afgani e sicurezza alla nostra nazione", ha insistito il ministro della Difesa. Certo "ci interroghiamo tutti, ogni giorno, ogni minuto", aveva detto già questa mattina in un intervento a Mattina 5. Ma "la mia risposta è identica a quella data fin qui dal presidente del Consiglio e cioè che siamo lì nell'ambito di una missione internazionale e verremo via quando lo farà anche il resto della missione internazionale", aveva aggiunto. Dunque, nonostante la morte di Sanna, 36esima vittima italiana nel paese asiatico, c'è "il fermo intendimento del Governo di mantenere fede al suo impegno, nella consapevolezza dell'importanza dell'azione multinazionale per contribuire alla stabilizzazione dell'Afghanistan". Piuttosto bisogna "essere pronti a modificare e migliorare le nostre contromisure" al cospetto di una minaccia sempre alta: contro gli italiani, negli ultimi tre mesi, si sono registrati circa 40 attacchi a settimana, con ordigni esplosivi improvvisati, armi da fuoco leggere, razzi. Quello di ieri è stato solo l'ultimo episodio di una lunga serie. Dunque, "non si tratta di mettere in discussione la bontà delle ragioni che ci portano a proseguire la missione in Afghanistan, ma di rivedere e di adattare al meglio le condizioni e le modalità di impiego dei nostri militari a fronte di mutevoli situazioni di rischio", ha detto La Russa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni