mercoledì 22 febbraio | 03:15
pubblicato il 19/gen/2011 19:20

Afghanistan/ La Russa: Premier conferma impegno, ne vale la pena

Ministro: mantenere fede ad impegno, ma ridurre i rischi

Afghanistan/ La Russa: Premier conferma impegno, ne vale la pena

Roma, 19 gen. (askanews) - L'impegno militare italiano in Afghanistan va avanti. Non ci sono divisioni né contrasti, a tal proposito, tra le fila del governo. E anche Silvio Berlusconi, che a poche ore dall'uccisione del caporal maggiore Luca Sanna si era chiesto se ne valesse la pena, è giunto alla stessa conclusione: "Il presidente del Consiglio mi ha confermato che ne vale dolorosamente la pena", ha detto oggi alla Camera Ignazio La Russa. "Non c'è dubbio che il nostro obiettivo è quello di completare la nostra missione, di mantenere fede all'impegno assunto nell'ambito di una importante azione multinazionale per la stabilizzazione di quell'area. Questo è il convincimento di Berlusconi e pure il mio", ha spiegato il ministro. Benché ci si interroghi, dunque, sul senso della missione, non si può "vanificare lo sforzo di chi è lì da tanto tempo". Il modo "migliore" per "onorare" Sanna e tutti gli altri caduti italiani "è proprio quello di non svilirne il sacrificio con inutili polemiche, completando una missione il cui unico scopo è quello di ridare pace e dignità agli afgani e sicurezza alla nostra nazione", ha insistito il ministro della Difesa. Certo "ci interroghiamo tutti, ogni giorno, ogni minuto", aveva detto già questa mattina in un intervento a Mattina 5. Ma "la mia risposta è identica a quella data fin qui dal presidente del Consiglio e cioè che siamo lì nell'ambito di una missione internazionale e verremo via quando lo farà anche il resto della missione internazionale", aveva aggiunto. Dunque, nonostante la morte di Sanna, 36esima vittima italiana nel paese asiatico, c'è "il fermo intendimento del Governo di mantenere fede al suo impegno, nella consapevolezza dell'importanza dell'azione multinazionale per contribuire alla stabilizzazione dell'Afghanistan". Piuttosto bisogna "essere pronti a modificare e migliorare le nostre contromisure" al cospetto di una minaccia sempre alta: contro gli italiani, negli ultimi tre mesi, si sono registrati circa 40 attacchi a settimana, con ordigni esplosivi improvvisati, armi da fuoco leggere, razzi. Quello di ieri è stato solo l'ultimo episodio di una lunga serie. Dunque, "non si tratta di mettere in discussione la bontà delle ragioni che ci portano a proseguire la missione in Afghanistan, ma di rivedere e di adattare al meglio le condizioni e le modalità di impiego dei nostri militari a fronte di mutevoli situazioni di rischio", ha detto La Russa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia