martedì 06 dicembre | 16:57
pubblicato il 26/nov/2011 05:10

Acqua pubblica: oggi corteo per referendum. Partiti latitanti

A giugno tutte le forze politiche si intestarono vittoria. Ora no

Acqua pubblica: oggi corteo per referendum. Partiti latitanti

Roma, 26 nov. (askanews) - A giugno, quando la maggioranza assolutadegli elettori italiani si recò alle urne per esprimersi contro la privatizzazione dei servizi idrici, contro il nucleare e il legittimo impedimento, ci fu la corsa dei partiti del centrosinistra per intestarsi la vittoria referendaria. Una gara cui parteciparono (con buon successo mediatico) tutti, sia quelle forze politiche impegnate con il comitato referendario nella raccolta delle firme per la consultazione, sia chi invece non puntò fin dall'inizio sulla battaglia per i beni comuni. E persino i partiti del centrodestra spesero parole di ascolto per il risultato referendario. Oggi quel 57 per cento di no al nucleare e alle privatizzazioni dei "servizi idrici" e dei "servizi pubblici locali di rilevanza economica" è praticamente scomparso dal dibattito politico. E' con queste riflessioni che oggi i comitati referendari scenderanno in piazza a Roma con un corteo che partirà alle 14 da piazza della Repubblica per concludersi alla Bocca della verità. "Per il rispetto dell'esito referendario, per un'uscita alternativa dalla crisi", recita la formula. I partiti non ci saranno, a parte rappresentanze della sinistra extraparlamentare e dell'Idv. I comitati mettono sotto accusa i "diktat della Banca Centrale Europea", usati come alibi, per via della crisi economica, già dal governo Berlusconi che "ha rilanciato, attraverso l'art. 4 della manovra estiva, una nuova stagione di privatizzazioni dei servizi pubblici locali, addirittura riproponendo il famigerato 'Decreto Ronchi' abrogato dal referendum". Dopo la manifestazione di oggi, l'idea è di "lanciare la campagna nazionale 'Obbedienza civile'", ovvero una campagna che, "obbedendo al mandato del popolo italiano, produrrà in tutti i territori e con tutti i cittadini percorsi auto-organizzati e collettivi di riduzione delle tariffe dell'acqua, secondo quanto stabilito dal voto referendario". Di questo e di modelli alternativi per uscire dalla crisi si parlerà alla conferenza sui cambiamenti climatici di Durban di fine novembre e a Marsiglia nel Forum Alternativo Mondiale dell'acqua a marzo 2012. E i partiti?

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni