domenica 04 dicembre | 01:11
pubblicato il 10/ott/2014 15:39

A Tokyo vietati gli strilli dei bambini, è polemica

Alcune strutture e parchi off-limits per i più piccoli

A Tokyo vietati gli strilli dei bambini, è polemica

Roma, 10 ott. (askanews) - Il "regolamento sulla difesa dell'ambiente" della città metropolitana di Tokyo non ammette eccezioni quando si parla di inquinamento acustico: i bambini quando piangono, strillano e quant'altro non devono superare certe soglie. Si tratta, tuttavia, di una norma che ha suscitato polemiche e che il governo metropolitano s'è detto oggi disposto a cambiare. Lo spiega oggi l'Huffington Post Japan. "Stiamo valutando se ammorbidire il regolamento, prevedendo un'eccezione alla norma per i bambini", ha spiegato all'Huffington un portavoce dell'ufficio ambiente di Tokyo. L'applicazione del regolamento ha già prodotto alcuni effetti come la limitazione di accesso ai bambini ad alcune strutture e il divieto per i bambini di frequentare alcuni parchi. Mos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari