giovedì 19 gennaio | 12:34
pubblicato il 10/ott/2014 15:39

A Tokyo vietati gli strilli dei bambini, è polemica

Alcune strutture e parchi off-limits per i più piccoli

A Tokyo vietati gli strilli dei bambini, è polemica

Roma, 10 ott. (askanews) - Il "regolamento sulla difesa dell'ambiente" della città metropolitana di Tokyo non ammette eccezioni quando si parla di inquinamento acustico: i bambini quando piangono, strillano e quant'altro non devono superare certe soglie. Si tratta, tuttavia, di una norma che ha suscitato polemiche e che il governo metropolitano s'è detto oggi disposto a cambiare. Lo spiega oggi l'Huffington Post Japan. "Stiamo valutando se ammorbidire il regolamento, prevedendo un'eccezione alla norma per i bambini", ha spiegato all'Huffington un portavoce dell'ufficio ambiente di Tokyo. L'applicazione del regolamento ha già prodotto alcuni effetti come la limitazione di accesso ai bambini ad alcune strutture e il divieto per i bambini di frequentare alcuni parchi. Mos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, Vega si prepara al primo lancio dell'anno con Sentinel-2B
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina