lunedì 16 gennaio | 23:05
pubblicato il 08/feb/2016 08:31

A Milano vince Sala, candidato sindaco manager per la sinistra

Con il 42% ex commissario Expo stacca Balzani che si ferma al 34%

A Milano vince Sala, candidato sindaco manager per la sinistra

Milano, 8 feb. (askanews) - Giuseppe Sala è il candidato sindaco di Milano per il centrosinistra. Lo hanno deciso i 60.900 cittadini, meno dei 67.000 di cinque anni fa, che sono andati ai seggi delle primarie di coalizione nel piovoso fine settimana che precede il carnevale ambrosiano. L'ex commissario di Expo 2015 ha vinto con il 42%, staccando di 5.000 voti Francesca Balzani, che si è fermata al 34%. Le divisioni della sinistra più radicale, che oltre a quella della attuale vice sindaco ha espresso anche la candidatura di Pierfrancesco Majorino, arrivato al 23%, sono state dunque determinanti. Le percentuali del secondo e terzo classificato fanno infatti intuire quanto Sala avrebbe faticato se si fosse dovuto battere contro un solo avversario della sinistra-sinistra.

"Stasera vince prima di tutto Milano" ha commentato il vincitore dal palco del teatro Elfo Puccini. "Sono state primarie combattute, dialettiche al punto giusto, ma con tanta voglia di rimetterci insieme domani mattina. Mi impegno con voi a non deludere tutto questo entusiasmo e questa passione. Questo è quello che farò, come sempre, con grande impegno e senso della squadra. Da domani ricominceremo" ha continuato. Poco prima ha ricevuto la telefonata di "in bocca al lupo" del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che durante l'estate era uscito allo scoperto dicendo che Sala gli piaceva "moltissimo" e che ora ha in prima linea il suo candidato.

"Questa campagna elettorale - ha detto Balzani - mi ha insegnato che il coraggio e l'entusiasmo sono contagiosi. I risultati delle primarie dicono che la città ha moltissima voglia di centrosinistra, di vederci uniti, per questo dovremo lavorare". Un appello all'unità confermato anche da Majorino, molto applaudito in sala: "Abbiamo fatto bene a tenere fede all'impegno a fare una competizione leale all'interno del centrosinistra che, da domani, deve andare avanti unito a sostegno del nostro candidato sindaco Beppe Sala. E' stata una bella avventura, adesso mettiamo a disposizione le nostre idee. La vera sfida inizia ora".

Adesso per Sala, che ha ammesso di avere passato "un mese e mezzo non facile", inizia la stesura del programma elettorale vero e proprio. "Non fermiamoci, parta al più presto il cantiere per un programma condiviso e appuntamento a giugno in questa sala per festeggiare, ne sono certo" lo ha incoraggiato il sindaco Giuliano Pisapia. L'intenzione di Sala è quella di prepararsi alle elezioni vere e proprie, che si terranno probabilmente il 12 giugno, "avendo per ogni quartiere una promessa vera e forte per il quinquennio. Così, con questa progettualità, passione e cuore sfideremo il centrodestra" ha concluso. L'unico che ha ammesso la sua delusione è Antonio Iannetta, il quarto candidato outsider, che ha preso 443 voti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello