martedì 28 febbraio | 14:16
pubblicato il 04/nov/2011 19:28

A Cannes il Berlusconi-movie: Ristoranti pieni,crisi non si sente

"Problema credibilità non sono io, c'è pregiudizio su italiani"

A Cannes il Berlusconi-movie: Ristoranti pieni,crisi non si sente

Roma, 4 nov. (askanews) - Ristoranti affollati, aerei quasi in overbooking , consumi che non sono calati e tutto esaurito anche nelle località di vacanza. Sarà la location, il Palais des Festivals che a Cannes ospita la rassegna cinematografica, fatto sta che Silvio Berlusconi racconta così l'Italia del 2011: "Se venite da noi non vi accorgerete che il Paese sente qualcosa che possa assomigliare a una grande crisi". Una sceneggiatura da commedia a lieto fine, ambientata in un "Paese benestante", dove i "consumi non sono diminuiti, i ristoranti sono pieni, sugli aerei a fatica si trovano posti" e anche le mete delle vacanze "sono piene". Il segno di "un'economia forte, la terza d'Europa e la settima del mondo, e la vita in Italia è quella di un paese benestante". Gli italiani, insomma, per Berlusconi "non sentono la crisi nel modo spasmodico che appare nell'opinione giornalistica e nella rappresentazione che fanno i giornali". Certo, "siamo consapevoli che da quando c'è l'euro si sono verificati impoverimenti di una fascia importante della popolazione italiana. Oggi con 80 euro si torna dal supermercato con un carrello che non contiene molte cose. Con 80mila lire c'erano nel carrello tante cose". Ma attenzione, "non è colpa dell'euro", ma "del cambio lira-euro fatto" dal governo di centrosinistra con Ciampi ministro del Tesoro, "a un livello che da sempre abbiamo ritenuto incongruo e penalizzante per l'Italia". E nel passato affonda anche la responsabilità, per Berlusconi, del "problema credibilità" sollevato esplicitamente da Christine Lagarde: una questione che "non riguarda le nostre persone ma l'Italia con la sua storia più o meno recente". Anzi, nei confronti di Giulio Tremonti "ho trovato apprezzamento da parte dei suoi colleghi. E per quanto mi riguarda io ho con tutti i leader del G8 e con quasi tutti quelli del G20, un rapporto addirittura di amicizia e in certi casi di forte amicizia". Semmai verso l'Italia c'è "un pregiudizio antico" che il governo attuale subisce, frutto di "certi comportamenti dell'Italia nel passato". Tanto che ora che Lorenzo Bini Smaghi non accenna a dimettersi dal board Bce "abbiamo captato delle frasi per esempio dai nostri amici francesi: 'Les italiens, toujours les italiens'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech