lunedì 23 gennaio | 20:41
pubblicato il 26/giu/2014 12:00

35 senatori per Senato elettivo: "porteremo battaglia nel paese"

Riforme sanciscono deriva autoritaria. Sovranità resti al popolo

35 senatori per Senato elettivo: "porteremo battaglia nel paese"

Roma, 26 giu. (askanews) - La battaglia perchè il Senato resti elettivo non verrà fatta solo all'interno del Parlamento ma anche nel paese, tra le associazioni e la società civile. E' quanto hanno annunciato in una conferenza stampa a palazzo Madama Vannino Chiti, Mario Mauro, Loredana De Petris e Felice Casson e Francesco Campanella che hanno presentato insieme ad altri senatori, in tutto 35, provenienti da diversi gruppi di maggioranza e di minoranza 14 subemendamenti alle riforme costituzionali tra i quali quello che chiede di mantenere l'elezione anche per il nuovo senato. "Questa è una formazione diversa da quella della maggioranza che sostiene il governo perchè qui si discute di Costituzione e noi ci siamo trovati d'accordo su aspetti di merito. Siamo tutti favorevoli a fare una buona riforma e a superare il bicameralismo paritario - ha spiegato Chiti - ma alcuni aspetti non ci convincono". "Il principio che vogliamo difendere e che ci unisce - ha proseguito De Petris - è che la sovranità è del popolo perciò entrambe le camere devono essere elette direttamente anche se vogliamo ridurre i costi, e infatti proponiamo di ridurre il numero dei deputati oltre a quello dei senatori". "Siamo in un campo di calcio in cui si gioca a baseball con le regole del rugby", così Mauro ha sintetizzato il progetto di riforma costituzionale del governo. "Io non sono un contestatore ma questo accordo sancisce una deriva autoritaria, da spazio ad una corte e non ad una storia, perciò noi dobbiamo fare proseliti e fare di questi emendamenti una battaglia politica, animare un dibattito a 360 gradi nei prossimi giorni e nei prossimi mesi con tutti i leader politici, dentro e fuori dal Parlamento, io so che ci sono timori di un senato dopolavoristico anche da parte di altri". "Vogliamo che tutte le forze politiche, le associazioni sappiano qual è la posta in gioco - ha aggiunto Chiti - perciò dalla prossima settimana insieme a fare una serie di incontri". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4