sabato 10 dicembre | 05:03
pubblicato il 26/giu/2014 12:00

35 senatori per Senato elettivo: "porteremo battaglia nel paese"

Riforme sanciscono deriva autoritaria. Sovranità resti al popolo

35 senatori per Senato elettivo: "porteremo battaglia nel paese"

Roma, 26 giu. (askanews) - La battaglia perchè il Senato resti elettivo non verrà fatta solo all'interno del Parlamento ma anche nel paese, tra le associazioni e la società civile. E' quanto hanno annunciato in una conferenza stampa a palazzo Madama Vannino Chiti, Mario Mauro, Loredana De Petris e Felice Casson e Francesco Campanella che hanno presentato insieme ad altri senatori, in tutto 35, provenienti da diversi gruppi di maggioranza e di minoranza 14 subemendamenti alle riforme costituzionali tra i quali quello che chiede di mantenere l'elezione anche per il nuovo senato. "Questa è una formazione diversa da quella della maggioranza che sostiene il governo perchè qui si discute di Costituzione e noi ci siamo trovati d'accordo su aspetti di merito. Siamo tutti favorevoli a fare una buona riforma e a superare il bicameralismo paritario - ha spiegato Chiti - ma alcuni aspetti non ci convincono". "Il principio che vogliamo difendere e che ci unisce - ha proseguito De Petris - è che la sovranità è del popolo perciò entrambe le camere devono essere elette direttamente anche se vogliamo ridurre i costi, e infatti proponiamo di ridurre il numero dei deputati oltre a quello dei senatori". "Siamo in un campo di calcio in cui si gioca a baseball con le regole del rugby", così Mauro ha sintetizzato il progetto di riforma costituzionale del governo. "Io non sono un contestatore ma questo accordo sancisce una deriva autoritaria, da spazio ad una corte e non ad una storia, perciò noi dobbiamo fare proseliti e fare di questi emendamenti una battaglia politica, animare un dibattito a 360 gradi nei prossimi giorni e nei prossimi mesi con tutti i leader politici, dentro e fuori dal Parlamento, io so che ci sono timori di un senato dopolavoristico anche da parte di altri". "Vogliamo che tutte le forze politiche, le associazioni sappiano qual è la posta in gioco - ha aggiunto Chiti - perciò dalla prossima settimana insieme a fare una serie di incontri". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina