domenica 04 dicembre | 18:05
pubblicato il 25/apr/2013 10:22

25 aprile: Di Paola, momento cruciale della storia d'Italia

25 aprile: Di Paola, momento cruciale della storia d'Italia

(ASCA) - Roma, 25 apr - La data del 25 aprile, Festa della Liberazione dal nazifascismo, e' ''un momento cruciale e fondamentale della storia d'Italia''. A ricordarlo e' il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, in occasione dell'anniversario della Liberazione, in un messaggio inviato alle Forze Armate.

Il ministro ha rivolto un ''pensiero riconoscente'' alle ''migliaia gli uomini delle nostre Forze Armate che, pur in assenza di ordini chiari, animati da un fortissimo amor di Patria, mantennero fedelta' al giuramento prestato. Uomini che tracciarono - ha ricordato - spesso al prezzo dell'estremo sacrificio, il cammino della rinascita del nostro Paese. A loro - ha poi aggiunto - si unirono, in un percorso lungo e doloroso, tutti quegli Italiani che decisero di prendere le armi in nome della democrazia e della liberta', contro l'oppressore nazifascista''.

In particolare, Di Paola ha ricordato ''il valore e il sacrificio offerti a Porta San Paolo, a Cefalonia, in Corsica, nei Balcani'' dagli uomini in divisa, ricordando che anche ''oggi le Forze Armate, chiamate a rispondere alle molteplici sfide del terzo millennio, possono tutte attingere allo scrigno inesauribile di esempi e virtu' militari che quegli uomini ci hanno tramandato''. In questo senso ha voluto sottolineare le sfide dell'oggi per le forze armate chiamate ad un profondo rinnovamento ''di fronte al cambiamento che incombe''. ''E' in quest'ottica che la Difesa, in attuazione delle decisioni del Parlamento, sta procedendo - ha detto il monistro Di Paola - ad una revisione sostanziale dello Strumento Militare nazionale, attraverso scelte difficili ma necessarie, per dare all'Italia Forze Armate in grado di garantirne la sicurezza ed il sostegno al ruolo di membro responsabile nell'ambito della Comunita' internazionale, nel rispetto dei principi di democrazia, liberta' e pacifica convivenza fra le Nazioni, sanciti dalla nostra Costituzione che, proprio nel 25 aprile di sessantotto anni fa, ha le sue radici''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari