Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Covid, Musumeci:pronte zone rosse per Palermo, Catania, Messina

colonna Sinistra
Sabato 17 ottobre 2020 - 08:22

Covid, Musumeci:pronte zone rosse per Palermo, Catania, Messina

Il presidente della Sicilia a Boccia e Arcuri: "no a polemiche,collaboriamo"

Roma, 17 ott. (askanews) – “Il commissario Arcuri ci bacchetta sulle terapie intensive. Il ministro Boccia ci chiede di raccordarci col governo su scuola e lavoro. Purtroppo, pero’, il virus corre piu’ della politica e noi dobbiamo regolarci di conseguenza: io sto giusto per firmare un’ordinanza che dispone una cintura di protezione, cioe’ una mezza specie di zona rossa, nelle tre aree metropolitane di Palermo, Catania e Messina. Ci sono dei focolai…”. Lo afferma il presidente di centrodestra della Regione Sicilia Nello Musemeci invitando il ministro delle Regioni Francesco Boccia e il Commissario di Governo per l’emergenza Covid Domenico Arcuri a mettere da parte la polemica sulla mancata attivazione da parte di diverse Regioni di nuove terapie intensive ospedaliere nonostante la fornitura da parte del Governo delle nuove necessarie strumentazioni di ventilazioni polmonari.

“Non voglio polemizzare. Io credo da sempre – commenta Musumeci sul Corriere della Sera- in un rapporto di leale collaborazione col governo centrale. Ma le terapie intensive si creano in funzione dell’evolversi del dato epidemiologico, non so Arcuri a quali regioni si riferisca, posso dire che la Sicilia ha utilizzato fin qui tutto il materiale a sua disposizione. Materiale pero’ che in gran parte, lo voglio sottolineare, e’ stato acquistato da noi. Ricordate quando i medici ad aprile si cucivano addosso i sacchi di plastica perche´ mancavano i camici? Con l’aiuto dell’Ismett abbiamo fatto tre viaggi e comprato 15 tonnellate di materiale dalla Cina”.

Quanto alla sollecitazione alle Regioni del ministro Boccia a non agire in ordine sparso sulle disposizioni sanitarie riguardanti scuola e attività produttive, “io – afferma Musumeci- dico si’ al dialogo ma nello stesso tempo il governo ci dia fiducia. Soprattutto ci lasci l’autonomia necessaria, perche´ conosciamo le esigenze dei nostri territori. E siamo noi poi a metterci la faccia, a sentire il fiato sulla nuca dei cittadini. In Sicilia ci stiamo gia’ preparando a fronteggiare degli scenari di crisi: penso a 5-6 mila contagi. Ora siamo a poco piu’ di 4 mila”.

. Sulla scuola, in particolare, “io vorrei che fosse sempre riconosciuto ai ragazzi – afferma Musumeci- il diritto di andare a scuola. Ma purtroppo con questo virus il mio e’ solo un auspicio, non una certezza”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su