Header Top
Logo
Lunedì 26 Ottobre 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Bettini (Pd): salto di qualità governo o ne prenderemo atto

colonna Sinistra
Sabato 12 settembre 2020 - 09:37

Bettini (Pd): salto di qualità governo o ne prenderemo atto

"Sul voto al referendum Pd delegittimato e offeso"
Bettini (Pd): salto di qualità governo o ne prenderemo atto

Roma, 12 set. (askanews) – “Dall’emergenza si deve passare alla ricostruzione. Serve un salto di qualità. Ci sono diverse vie per realizzarlo. Conte deciderà in autonomia. Il Pd non ha alcuna pretesa di posti o di maggiore visibilità. La nostra missione si identifica con la salvezza e il rinnovamento della Repubblica. La nostra identità e la nostra ‘vocazione maggioritaria’ si esprimeranno nei processi tumultuosi e difficili che dovremo governare. Nell’ansia del fare. Finché, e sottolineo finché, riteniamo che ci siano spazi per fare del bene al nostro Paese, proveremo, e ancora proveremo, ad andare avanti. Se invece dovessimo verificare che la nostra funzione non è più utile, non ci sono altri interessi o convenienze che ci impediranno di trarne le conseguenze”. Lo afferma Goffredo Bettini, in una intervista al ‘Corriere della Sera’.

“Lo sapevamo fin dall’inizio – sottolinea ancora – che l’alleanza con i Cinque Stelle, e anche con Matteo Renzi, non sarebbe stata una passeggiata. Tuttavia, l’anno che ci sta alle spalle mi conferma che in politica le cose non restano mai ferme. Oggi i Cinque Stelle hanno una posizione diversa sull’Europa, sulla scienza, sullo sviluppo economico e sociale del Paese, sulle alleanze anche con il Pd. Restano divergenze. La più dolorosa, per me, è sulla giustizia”.

Bettini approva la proposta di Franceschini per un patto con l’opposizione. “Assolutamente sì. Si è mosso qualcosa. Il testo base delle legge elettorale è stato approvato, così come il voto a 18 anni per il Senato. Mi piacerebbe che prima del referendum si facessero altri passi avanti insieme e si definisse un percorso lungo e condiviso di ulteriori riforme. Il nostro è un sì di battaglia e di speranza. Ho l’impressione che con il no sarebbe assai più difficile qualsiasi cambiamento”.

A proposito di referendum, per lo ‘stratega’ Dem “c’è un impressionante sovraccarico di polemica politica sulreferendum. Non voglio né giudicare né inasprire il confronto. Ma osservo che il Partito democratico viene attaccato, delegittimato, offeso nel momento in cui è il solo partito di governo che combatte la destra ovunque con candidati competitivi. Noi risponderemo impegnandoci ancora di più. Sul Pd si raccoglieranno, ne sono fiducioso, tanti elettori che si sono astenuti nel passatooche intendono confluire in un voto utile”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su