Header Top
Logo
Martedì 25 Febbraio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi sfida Conte:se vuoi crisi cambia maggioranza,lo hai già fatto

colonna Sinistra
Giovedì 13 febbraio 2020 - 19:43

Renzi sfida Conte:se vuoi crisi cambia maggioranza,lo hai già fatto

Non siamo opposizione maleducata, senza di noi mancano numeri. Ministre non andranno a Cdm
Renzi sfida Conte:se vuoi crisi cambia maggioranza,lo hai già fatto

Roma, 13 feb. (askanews) – “Caro presidente del Consiglio la palla tocca a te. Noi non abbiamo aperto la crisi ma non rinunciamo alle nostre idee, rispetteremo la tua scelta. Puoi cambiare maggioranza, lo hai già fatto, sai come si fa, quello che non puoi dire è che noi siamo opposizione maleducata perchè se lo siamo voi non avete la maggioranza. Se volete fare un’altra magigoranza non ci metteremo di traverso ma non saremo quelli che per tenersi lo sgabello rinunciano alla dignità e ai principi”. E’ la replica via Facebook che Matteo Renzi rivolge al premier Giuseppe Conte in vista del Cdm sulla riforma della Giustizia a cui conferma che le ministre di Italia viva non parteciperanno per segnare il dissenso sulla vicenda della prescrizione.

“Il premier – ha contrattaccato il leader Iv- non può dire che questa è assenza ingiustificata, questo lo dice il preside di un collegio non un premier. Noi marchiamo la distanza politica su un punto, vogliamo parlare del resto? Ci siamo, ora si stanno incontrando al tavolo del governo sulla crescita e lo sviluppo sostenibile”. Viceversa “stasera non andremo al consiglio dei ministri perchè il ministro Bonafede ha detto che stasera ci sarà al voto il lodo Conte bis, un pasticcio da azzeccarbugli che non sta in piedi, probabilmente non lo hanno neanche letto, è incostituzionale”.

“Caro premier – ha insistito Renzi- se vuoi aprire la crisi apri la crisi ma Italia viva ha chiesto un’altra cosa, non di aprire la crisi.”Abbiamo chiesto di aprire – o meglio riaprire- l’unità di missione sull’edilizia scolatistica. Dire questo è essere maleducati? Questo è amare l’Italia, vogliamo stare in una coalizione portando le idee non solo obbedenendo e seguendo sondaggi”

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su