Header Top
Logo
Giovedì 20 Giugno 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • “Siamo estremisti sì, ma del buonsenso” (Salvini in piazza del Duomo)

colonna Sinistra
Sabato 18 maggio 2019 - 18:44

“Siamo estremisti sì, ma del buonsenso” (Salvini in piazza del Duomo)

Il leader leghista: ma quale ultradestra
“Siamo estremisti sì, ma del buonsenso” (Salvini in piazza del Duomo)

Milano, 18 mag. (askanews) – “Ma l’ha vista la piazza? Mamme, papà, disabili… Non ho visto ultras. Siamo estremisti sì, ma del buonsenso”. Così Matteo Salvini al termine della manifestazione di piazza del Duomo, risponde a Luigi Di Maio, che ha criticato la presenza dell’ultradestra europea sul palco con il leader della Lega.

“In questa piazza non ci sono estremisti, fascisti, razzisti. Gli estremisti sono quelli che per vent’anni hanno governato l’Europa” ha detto Salvini. Citando ancora una volta Giovanni Paolo II, Salvini ha aggiunto: “La risposta alle polemiche siete voi. E’ una giornata eccezionale. In questa piazza c’è gente che non si rassegna ad un futuro di paura e di schiavitù. Lo stiamo facendo per i nostri figli”.

“La politica di questo governo sta azzerando i morti nel Mediterraneo, con spirito cristiano” ha detto ancora Salvini rivolgendosi espressamente a Papa Francesco. “La politica dei porti aperti tra il 2015 e il 2018 ha causato quasi 15.000 morti e dispersi. La nostra politica di rigore e solidarietà li ha fatti scendere a meno di mille. Stiamo salvando vite”.

“Non vgliamo migrazioni di massa, non vogliamo ghetti, non vogliamo sfruttamento. Anche perchè con quei barconi entrano anche armi e droga”, ha aggiunto. Riguardo alla nave della ong tedesca Se Watch 3, con 47 migranti a bordo e che chiede di attraccare a Lampedusa, il leader leghista ha detto: “Dalla Sea Watch 3 abbiamo fatto scendere neonati e malati perchè mai dirò a qualcuno ‘voltati dall’altra parte mentre un bambino rischia la vita. La vita è sacra. Bimbi, ustianti e malati sono scesi, ma quella nave in un porto italiano non entra finchè sono ministro”.

“Non possono uno stato e un continente farsi dettare le regole dai complici degli scafisti, pagati dai Soros di turno. Se riaprissimo i porti come vuole qualcuno in Parlamento e spero non al governo tornerebbero a morire migliaia di persone”.

Int9

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su