Header Top
Logo
Mercoledì 19 Giugno 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo: nostalgia per Silvio di fronte a sceriffo senza cavallo

colonna Sinistra
Lunedì 13 maggio 2019 - 11:26

Grillo: nostalgia per Silvio di fronte a sceriffo senza cavallo

Berlusconi definito "deboluccio", poi la stoccata a Salvini
Grillo: nostalgia per Silvio di fronte a sceriffo senza cavallo

Roma, 13 mag. (askanews) – Silvio Berlusconi è “un omino davvero smarty: si accuccia logicamente, mentre è costretto a scandire le parole. Un tenerone, ma attenzione… dritti con le orecchie! Lui crede in un’inquietante immortalità che aspetta soltanto lui: nella sua confusa insalata di parole speriamo che il suo amico Vladimir gli compri un altro bel lettone dove fare a cuscinate con il suo Matteo preferito… si ma quale sarà?”. Beppe Grillo torna a farsi sentire come commentatore politico e in un post sul suo blog personale dedica una recensione alla recente apparizione del leader di Forza Italia a Porta a Porta, ospite di Bruno Vespa.

La conclusione del post, in particolare, vira però sull’attualità, con un passaggio velenoso dedicato al vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, leader della Lega, non chiamato per nome: “Grande, un gigante – dice il fondatore e garante del M5S ancora parlando di Berlusconi – che pensa alle mamme di tutta Italia: coraggio Silvio, la nostalgia di un cialtrone a 90 gradi è rilassante in confronto alle improvvisazioni dello sceriffo senza cavallo e senza pistola (solo il giaccone!). Che il duello fra voltafaccia abbia inizio!”, conclude Grillo.

Quanto a Berlusconi, nel resto dell’intervento sul suo blog Grillo lo definisce “spettacolare”, “onesto” – ma fra virgolette – e “deboluccio” e lo deride perché “sembra non rendersi conto del fatto che Toti (il presidente della Regione Liguria, ndr) lo tradirà”. Per l’ex leader M5S “il re dello share propone di nuovo la strategia della caciara, non ha altro da offrire, ciò che resta di lui insieme ad un populismo very strong. Ma ricordate: Silvio non regala mai nulla e nessuno regala nulla a lui, non era audience ma solo ‘coda per curiosi’. Non resiste, parla di colpevoli ed innocenti, si rivolge al peggio del paese, come sempre”.

Secondo il comico genovese “abbiamo di fronte una versione depotenziata del più grande bugiardo della storia italiana. Frena di colpo per essere superato da tutti, quanto a sparate! Una nuova tecnica, non si butta via neppure il più imbarazzante dei curricola, anche dall’età non si butta via nulla… Una mossa che neppure Senna o Maradona sapevano fare così velocemente”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su