Header Top
Logo
Mercoledì 19 Giugno 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Caso Consip, Lotti rischia il processo ma i Pm chiedono archiviazione per Tiziano Renzi

colonna Sinistra
Lunedì 29 ottobre 2018 - 11:51

Caso Consip, Lotti rischia il processo ma i Pm chiedono archiviazione per Tiziano Renzi

L'accusa ipotizzata era quella di traffico di influenze
Caso Consip, Lotti rischia il processo ma i Pm chiedono archiviazione per Tiziano Renzi

Roma, 29 ott. (askanews) – Depositati gli atti e chiusa l’indagine sul caso Consip. La Procura di Roma nel documento che prelude in genere alla richiesta di rinvio a giudizio mette sotto accusa 7 persone, tra cui ufficiali dell’Arma dei carabinieri, alcuni imprenditori, un ex ministro. Quella definita dai magistrati di piazzale Clodio è una tranche della complessa vicenda. A rischiare il processo è l’ex ministro dello sport, Luca Lotti per il reato di favoreggiamento; l’ex comandante generale dei carabinieri, Tullio Del Sette per cui si ipotizza la rivelazione del segreto d’ufficio; poi il generale dell’Arma Emanuele Saltalamacchia (favoreggiamento). E’ accusato di rivelazione del segreto e falso, l’ex maggiore del Noe, Gian Paolo Scafarto, ora assessore in un comune campano e al centro di molti accertamenti portati avanti a Roma. C’è poi l’accusa di depistaggio assieme all’ex colonello dell’Arma, Alessandro Sessa.

Rischia processo anche l’imprenditore Carlo Russo per millantato credito. Favoreggiamento per il presidente, all’epoca dei fatti, di Pubbliacqua, società partecipata del comune di Firenze, Filippo Vannoni.

Quanto a Tiziano Renzi, padre dell’ex premier Matteo, gli inquirenti della Procura di Roma hanno chiesto l’archiviazione.

Nav MAZ

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su