Header Top
Logo
Lunedì 15 Ottobre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Casellati visita Genova:”fare bene e presto,errare inaccettabile”

colonna Sinistra
Venerdì 12 ottobre 2018 - 08:29

Casellati visita Genova:”fare bene e presto,errare inaccettabile”

La presidente del Senato: sono preoccupata, compito Parlamento migliorare decreto Governo
Casellati visita Genova:”fare bene e presto,errare inaccettabile”

Genova, 12 ott. (askanews) – “Genova è nel mio cuore.  Sono preoccupata per la città e per la sua gente.  Il ponte Morandi è una metafora del Paese: da simbolo di sviluppo a tragica immagine di decadenza frutto di incuria e pressapochismo”. Lo ha affermato la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, oggi in visita a Genova per le celebrazioni di Cristoforo Colombo. Parlando al quotidiano della città della lanterna “Il Secolo XIX”, Casellati rivolge un monito “a fare e fare in fretta” per la rinascita dopo il crollo del Morandi e per la costruzione delle infrastrutture “di cui Genova e la Liguria hanno bisogno” e che “sono di evidente utilità strategica”.

“Questa parte del percorso di rinascita  che tutti noi vogliamo, – denuncia Casellati- è stata controversa ed ha richiesto tempo per il confronto e per la mediazione politica. È un fatto sotto gli occhi di tutti. Mi preoccupa inoltre la prospettiva. Genova è e deve essere uno degli assi portanti di una possibile ripresa italiana. Il ponte l’ha divisa ma ha anche messo a nudo il suo isolamento infrastrutturale,  che si consuma da troppi anni. Genova deve essere posta in condizione di fare la parte che la storia le ha assegnato e tornare ad essere una fondamentale piattaforma per lo sviluppo economico del Paese”.

Inoltre, sottolinea la seconda carica dello Stato in riferimento all’avvio dell’esame parlamentare del decreto del Governo Conte del Parlamento, “spetta al Parlamento, in un rapporto di leale collaborazione con il Governo, individuare ogni possibile miglioramento su tutti gli aspetti che riguardano non solo la ricostruzione materiale del ponte, ma anche il futuro di Genova e dei suoi cittadini. Penso ad esempio al sostegno alle imprese e alle persone colpite. Se questo non dovesse accadere sarebbe un ennesimo ed inaccettabile fallimento”.

“So solo – esorta la presidente del Senato- che bisogna fare e fare in fretta. L’isolamento di Genova significa isolamento dell’Italia verso l’Europa e verso il mondo. Dobbiamo tutti essere consapevoli che non si può più perdere neanche un minuto. Il ponte Morandi è una metafora del Paese. Da simbolo di sviluppo e innovazione a tragica immagine di una decadenza frutto di incuria e pressapochismo. Starà a noi determinare la prossima tappa: accettazione rinunciataria di una sconfitta o rinascita? Io non ho dubbi”.

Casellati, inoltre, non lesina apprezzamento per la proposta di ricostruzione del ponte presentata dal senatore a vita e archistar Renzo Piano. “E’ stata la più bella ed importante dimostrazione di come si possano ricostruire fiducia e speranza. Parliamo di uno degli architetti più importanti al mondo, conoscitore come nessun altro di Genova, del suo carattere, dei suoi bisogni. Non ho ancora avuto modo di parlargli, ma bisognerebbe intanto ringraziarlo per come si è messo a disposizione, con spirito di servizio, classe e creatività. Detto questo, non voglio e non posso entrare nelle valutazioni del commissario Bucci che, insieme al Governatore Toti, sta facendo un grandissimo lavoro”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su