Header Top
Logo
Domenica 23 Settembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Prove d’intesa Salvini-Berlusconi: Rai ma anche Csm e nomine

colonna Sinistra
Venerdì 14 settembre 2018 - 16:27

Prove d’intesa Salvini-Berlusconi: Rai ma anche Csm e nomine

Si cerca rilancio alleanza, ma Crimi attacca su tv
Prove d’intesa Salvini-Berlusconi: Rai ma anche Csm e nomine

Roma, 14 set. (askanews) – Innanzitutto l’accordo sulla presidenza Rai a Marcello Foa e a cascata sulle nomine di viale Mazzini. E insieme quello sull’alleanza di centrodestra alle Regionali. E poi, “se il clima sarà quello giusto”, anche altro: “Csm, partecipate…”. Da Forza Italia inquadrano così l’incontro faccia a faccia che Matteo Salvini e Silvio Berlusconi dovrebbero avere – salvo sorprese – domenica a pranzo. La partita del Milan sullo sfondo, i due leader del centrodestra ripartiranno dalla Rai per provare a rilanciare l’alleanza. A cominciare da quel “riconoscimento politico” di Forza Italia come alleato paritetico, che dovrà essere visibile nella scelta dei candidati per le Regionali: “I nomi e le Regioni importano poco, quel che conta è che due candidati governatori su 4 siano di Fi”, dicono gli azzurri.

Ma su questo, ovvero Rai e Regionali, l’accordo praticamente viene già dato per fatto, sia dai forzisti che dal Carroccio. Sarà tutto il resto a chiarire la portata del riavvicinamento tra Berlusconi e Salvini, se questo si sostanzierà – in vista della prossima manovra di bilancio – in un gioco di sponda per spostare il più possibile verso il programma del centrodestra la politica economica del governo giallo-verde. Forse anche per questo l’annuncio di un’intesa tra Lega e Fi è stato salutato da un’intervista di Vito Crimi che – dal suo ruolo di sottosegretario all’Editoria – annuncia “pacchia finita” per Berlusconi e Mediaset.

Ma l’attacco di Crimi viene ridimensionato dai leghisti: “C’è una parte del M5s che soffre il protagonismo della Lega, e cerca di riaffermare alcuni temi a loro cari”. Temi che però “non sono nel contratto di governo”. Anzi, la nuova Rai che immaginano gli uomini di Salvini è “votata al servizio pubblico, ad un ruolo educativo”, in un rapporto “non di concorrenza selvaggia con il privato”.

Il tutto dovrebbe essere appunto sancito nell’incontro di domenica: presidenza Rai a Foa, regioni equamente distribuite, e soprattutto “ricostruire un metodo per parlarsi”, spiegano da Fi. Con ricadute che potrebbero appunto riguardare, spiegano dallo staff di Berlusconi, “alcune commissioni Bicamerali, la vice presidenza del Csm, i cda delle partecipate”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su