Header Top
Logo
Martedì 25 Settembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mattarella: mafia non ha ucciso testimonianza martire don Puglisi

colonna Sinistra
Venerdì 14 settembre 2018 - 15:29

Mattarella: mafia non ha ucciso testimonianza martire don Puglisi

"Morto per valori di solidarietà, giustizia, uguaglianza"
Mattarella: mafia non ha ucciso testimonianza martire don Puglisi

Roma, 14 set. (askanews) – “Venticinque anni fa la mano vile della mafia spezzò la vita di Pino Puglisi, ma non riuscì a ucciderne la testimonianza che, come un seme, ha poi germogliato nel cuore e nell’impegno di tanti palermitani onesti, di tanti giovani che lo hanno conosciuto e con lui hanno imparato a camminare a testa alta, dei tanti che amano la libertà e non accettano il giogo disumano dell’oppressione criminale”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricordando l’assassinio del sacerdote.

“La Chiesa Cattolica – ha ricordato – lo ha proclamato Beato, indicando la sua integrale ribellione alle mafie come esempio di coerenza cristiana. La Repubblica riconosce in Puglisi il martire civile, morto per quei valori di solidarietà, di giustizia, di uguaglianza, di rispetto dei diritti inviolabili della persona, che costituiscono il nucleo vitale della Costituzione Repubblicana e il motore del nostro modello sociale”.

Il capo dello Stato ha affermato che “Puglisi fu un generoso, instancabile educatore: come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sapeva che la vittoria contro la mafia, cioè la liberazione delle istituzioni e della società, passava necessariamente per una crescita di consapevolezza dei giovani, per una loro assunzione di responsabilità, per la scintilla di una nuova speranza capace di aprire squarci nei muri del conformismo. Di questo suo impegno Palermo e il Paese intero si sono arricchiti, e tanti oggi lo ricordano, avendolo conosciuto di persona e custodendo nella memoria incontri che hanno lasciato un segno vitale. Oggi – ha rilevato – è giorno di memoria e di impegno. Con questo spirito desidero unirmi a quanti oggi celebreranno e onoreranno il ricordo di Pino Puglisi: non si tornerà indietro rispetto a ciò che ci ha lasciato. È un impegno comune che riguarda tutte le istituzioni repubblicane e, al tempo stesso, ciascun cittadino e ogni componente della società”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su