Header Top
Logo
Mercoledì 17 Ottobre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Di Maio: sul premier ragioniamo, in serata chiudiamo contratto

colonna Sinistra
Giovedì 17 maggio 2018 - 14:19

Di Maio: sul premier ragioniamo, in serata chiudiamo contratto

Fonti M5s: cambia comitato conciliazione, era a rischio incostituzionalità
Di Maio: sul premier ragioniamo, in serata chiudiamo contratto

Roma, 17 mag. (askanews) – “Sul premier stiamo ancora ragionando, c’è qualche passo avanti”. Lo ha detto il capo politico M5s Luigi Di Maio, lasciando Montecitorio dopo l’incontro con il leader della Lega Matteo Salvini.

“Penso che in serata chiuderemo il contratto. Ora stiamo aspettando alcuni contributi da qualche parlamentare, ma non su punti dirimenti”, ha spiegato, assicurando che “cerchiamo di tenere aggiornato il Quirinale” degli sviluppi della trattativa sul governo M5s-Lega.

Secondo fonti M5S, durante la nuova riunione a Montecitorio “tutti i punti del programma rimasti in sospeso sono stati risolti in maniera soddisfacente per entrambe le parti”. “Non c’è ancora il winner – viene spiegato a proposito del nome del premier – ma ci sono passi avanti significativi”.

Quanto al programma, ci sono state correzioni “sul jobs act per risolvere il problema della precarizzazione del lavoro”. “Non c’è più nulla sull’euro – viene spiegato ancora dalle fonti M5s – il riferimento è stato tolto. E’ stato inserito qualcosa sull’alienazione genitoriale, sui Vigili del fuoco, sul reddito di cittadinanza è stato modificato il limite temporale ma trovata una formula per incentivare i centri per l’impiego a offrire lavoro”.

Cambia anche il comitato di conciliazione “affinchè non sia in contrasto con la Costituzione, da entrambe le parti si è compreso che bisognava trovare una formula diversa. E’ stata tolta una parte su come era fatto e sulle votazioni perchè sembrava quasi una cosa parallela al Consiglio dei ministri”.

Infine No Tav e Terzo valico: “E’ stata lasciata aperta la parte che riguarda le opere pubbliche, vanno valutati i costi -benefici, si è tolto il tema del Terzo valico perchè non ha senso definire ora senza conoscere a che punto sono le opere pubbliche”.

Le stesse fonti affermano che “non si è discusso di deficit” e che “sono state accolte le nostre richieste sul tema immigrazione affinchè nei centri di detenzione temporanea degli immigrati irregolari siano garantite condizioni umanitarie e sanitarie”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su