Header Top
Logo
Giovedì 20 Settembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Sisma Abruzzo, Pd: paghi chi ha sbagliato non chi ricostruisce

colonna Sinistra
Lunedì 16 aprile 2018 - 15:34

Sisma Abruzzo, Pd: paghi chi ha sbagliato non chi ricostruisce

Pezzopane: "Oggi straordinaria manifestazione di popolo"

Roma, 16 apr. (askanews) – “Non subiremo questa assurdità: noi vogliamo solo rispettare una legge di questo Stato che ci siamo conquistati con le unghie e con i denti. Paghi chi ha sbagliato, non chi lotta da 9 anni per ricostruire L’Aquila e tutti i comuni del sisma 2009”. Lo ha affermato la deputata Pd Stefania Pezzopane, eletta in Abruzzo e Presidente della Provincia dell’Aquila durante il terremoto del 6 aprile 2009, che ha partecipato alla manifestazione a L’Aquila per dire no alla richiesta di restituzione delle tasse sospese nel post terremoto.

“Oggi siamo tantissimi, migliaia, nonostante i 9 anni passati. Siamo uniti e forti. Ho sfilato con la mia bandiera neroverde sulle spalle, la stessa delle manifestazioni del 2009 e del 2010, la stessa di quando occupammo l’autostrada per protestare con quel governo. La stessa bandiera e la stessa grinta, ma il tempo non si è fermato. Abbiamo fatto grandi progressi in questi anni e ancor di più per questo, non possiamo sopportare questa ingiustizia. È stata una straordinaria manifestazione di popolo, di voci, di idee, di resistenza. Sentivo in questi giorni che cresceva il clima, che la città si sentiva colpita, ma non piegata, e pronta a rialzare la testa. Stamattina grandi emozioni, con i lavoratori, i sindaci e gli amministratori, gli studenti, le imprese, i cittadini. Ora prosegue la battaglia. Nei 120 giorni della proroga decisa positivamente dal governo, si riapra la trattativa con l’Europa. Serve un nuovo decreto, nessuno si tiri indietro. Grazie a chi ha partecipato, se servirà siamo pronti anche per manifestare a Roma”, ha concluso Pezzopane.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su