Header Top
Logo
Sabato 18 Agosto 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 13 marzo 2018 - 19:58

Comunicato del Cdr di Askanews

Comunicato del Cdr di Askanews

Roma, 13 mar. (askanews) – E’ allarme rosso per l’agenzia di stampa Askanews. Il Cdr ha infatti ricevuto oggi un secco no alla controproposta presentata agli azionisti per affrontare i problemi di liquidità e economici denunciati. Una nuova e preoccupante fuga in avanti che fa presagire la decisione di andare fino in fondo riducendo l’agenzia allo stremo con la minaccia di ricorso unilaterale alla cassa integrazione al 70% con 58 esuberi fra i giornalisti. Minaccia che diventerà realtà dal prossimo 20 marzo.

Il Cdr chiede all’editore nonché presidente di Bnl-Bnp Paribas, Luigi Abete, le ragioni di questo accanimento contro la redazione quando si sta definendo la procedura di assegnazione dei lotti da parte del Dipartimento Editoria della Presidenza del Consiglio che vedrebbe l’azienda rientrare di una buona parte del fatturato.

Perché cercare di ottenere da una parte i contributi pubblici per la Cigs e dall’altra i fondi di Palazzo Chigi per le agenzie di stampa? Forse per fare cassa e prendere con una mano e con l’altra dalla stessa borsa? Non è questo un comportamento gravemente censurabile, soprattutto per un banchiere che dovrebbe rispettare criteri di onorabilità molto stringenti? Ma soprattutto non potrebbe il banchiere editore Luigi Abete, già protagonista di diversi inciampi imprenditoriali nel recente passato, affrontare la fase di difficoltà investendo e facendosi carico del rischio di impresa come fanno gli imprenditori, di cui lo stesso Abete non manca mai di sottolineare le responsabilità e il ruolo che ricoprono, anche sociale, nello sviluppo del Paese?

Perché non vende il 19% di Internazionale che afferma essere un asset di prestigio per affrontare questa fase emergenziale invece di tenere immobilizzate risorse? Perché devono essere soltanto i giornalisti a addossarsi l’onere di questa crisi? Si vuole forse trasformare Askanews in qualcosa di diverso da un’agenzia di stampa?

Il tempo scorre, ma si può ancora fermare. #saveaskanews

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su