Header Top
Logo
Giovedì 19 Luglio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lombardia, toni soft per la prima tribuna tv tra i 7 candidati

colonna Sinistra
Giovedì 15 febbraio 2018 - 15:10

Lombardia, toni soft per la prima tribuna tv tra i 7 candidati

Nessun "duello", entro 4 marzo altri 2 confronti tv su temi

Milano, 15 feb. (askanews) – Si è svolta con toni soft la prima tribuna elettorale oggi nella sede Rai di Milano alla quale hanno partecipato tutti e 7 candidati alla presidenza della regione Lombardia. Nessun “duello” personale, né toni polemici ma un confronto – organizzato dalla testata Tgr Rai – fatto di risposte su temi specifici. Quello di oggi è il primo di tre incontri televisivi che si terranno entro la data delle elezioni regionali, il 4 marzo.

I candidati hanno avuto un minuto a testa per rispondere alle domande dei giornalisti Paolo Pardini e Andrea Silla. Fra le priorità indicate da tutti i candidati il tema del lavoro, della sanità, del trasporto pubblico locale e dell’ambiente, oltre che sicurezza e immigrazione. I sette candidati, disposti l’uno accanto all’altro su sorteggio, hanno sciorinato sinteticamente i punti principali del loro programma: da sinistra verso destra: Onorio Rosati (LeU), Giulio Arrighini (Grande nord), Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia), Dario Violi (M5S), Attilio Fontana (centrodestra), Giorgio Gori (centrosinistra) e Angela De Rosa (CasaPound).

“Dopo 23 anni – ha detto Gori nel suo appello finale al voto – c’è davvero possibilità di cambiare, di aprire una nuova pagina fatta di sviluppo, ma anche di inclusione sociale, di attenzione a chi in questi anni è rimasto ai margini della società. Alla fine la scelta sarà tra il candidato di Salvini e il candidato di una coalizione di forza riformiste e civiche che portano la Lombardia nel futuro”. Gori ha anche criticato la riforma sanitaria approvata dalla Giunta Maroni (difesa invece da Fontana), in particolare sulla parte che regola la presa in carico dei malati cronici.

L’avversario della coalizione di centrodestra Fontana ha fatto appello agli elettori “per consentire di continuare il buon lavoro di regione Lombardia di questi ultimi venti anni e per riuscire a concretizzare quel lavoro sull’autonomia che consentirà di avere alla Regione più poteri e più risorse e di essere più autonoma nelle proprie scelte”. Per Dario Violi, del Movimento 5 Stelle: “In questi anni Regione Lombardia rispetto ha rallentato notevolmente verso le altre regioni europee con cui concorreva. Il nostro obiettivo è riuscire a lavorare tutti insieme, migliorare, fare investimenti veri sui trasporti, sanità più pubblica che metta al centro la persona, e un ambiente che faccia soffrire meno le persone”.

(Segue)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su