Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge elettorale, proporzionale o Italicum 2.0. Pd tra M5s e Fi

colonna Sinistra
Martedì 9 maggio 2017 - 21:01

Legge elettorale, proporzionale o Italicum 2.0. Pd tra M5s e Fi

Ma per i dem ipotesi tedesca ha più consensi. Giovedì il testo base
20170509_210100_E54529AE

Roma, 9 mag. (askanews) – I proclami di buone intenzioni ci sono tutti. E, a meno di sorprese, davvero giovedì si arriverà finalmente alla presentazione di un testo base. Eppure il dibattito sulla legge elettorale continua a basarsi più su dichiarazioni che su fatti concreti.

Il M5s si dice disponibile ma si chiede se ci sia da fidarsi del Pd. Il Pd, a sua volta, si dichiara pronto a discutere con chi vuole fare sul serio. E Forza Italia afferma di essere disposta a parlare con tutte le forze politiche.

Nel frattempo, il presidente della commissione Affari costituzionali, Andrea Mazziotti, che è anche relatore del provvedimento, sta consultando in via informale i gruppi. Oggi è toccato a pentastellati e azzurri, domani al Pd.

La partita, tuttavia, sembra essere ancora giocata soprattutto sul piano tattico. E’ in atto un gioco del cerino, una corsa a dimostrare quanto si è ben intenzionati a modificare la legge elettorale, ovvero a non essere responsabili del fatto che da mesi sia in stand by. Il Pd non sembra intenzionato a scoprire le sue carte e per il momento continua a giocare sul doppio tavolo: quello della trattativa con il M5s e quello con Forza Italia. Una ipotesi, quella della riscrittura delle regole con Berlusconi, che oggi è stata rilanciata dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e che il Cavaliere, raccontano, avrebbe accolto con molto favore.

A confrontarsi sono due strategie diverse che, in sostanza, si riflettono in due modelli di legge elettorale differenti: da una parte il maggioritario su cui si potrebbe creare un asse con i pentastellati, dall’altro un impianto proporzionale sul quale si potrebbe invece dialogare con Fi.

Al termine dell’incontro con il relatore, il grillino Danilo Toninelli spiega che si potrebbe partire “da una sintesi tra il Legalicum e l’ultima proposta avanzata in ordine di tempo dal Pd, firmata da Fragomeli, che è un Legalicum corretto”. Visione opposta a quella esplicitata da Renato Brunetta: “La nostra proposta prevede base proporzionale, premio di maggioranza alle coalizioni, omogenizzazione delle soglie tra Camera e Senato, collegi di tipo provinciale”. Altrettanto speculare lo scambio di sospetti. “Vogliono resuscitare il Nazareno, sarà una porcata”, chiosa Toninelli. “Un asse Pd-M5s? Non avrebbe la maggioranza in Senato”, obietta Brunetta.

“Considerato che tutti quelli che ci hanno detto di no sul Mattarellum, non sono riusciti a mettersi d’accordo su una proposta alternativa, ora – spiega il capogruppo azzurro, Ettore Rosato – va trovato il modo di una fare una legge. Ci sono due opzioni in campo, vediamo quale è più credibile. Per approvare le leggi servono i numeri”. “Se c’è un proposta, un testo in grado di essere approvato a Camera e Senato in tempo rapido, noi – aggiunge Lorenzo Guerini – ci siamo. Se si vuole perdere tempo, questa non è idea del Pd”.

Fonti dem, tuttavia, spiegano che a pesare è la diffidenza nei confronti delle aperture dei pentastellati ma anche il fatto che un’opzione proporzionale avrebbe probabilmente numeri più consistenti su cui poggiarsi. Il sospetto nelle opposizioni è tuttavia che lo slancio del Pd verso una modifica della legge elettorale sia fatta più che altro per mandare un segnale al Colle, per far vedere a Sergio Mattarella, che più volte ha ammonito sulla necessità di un sistema di voto omogeneo tra Camera e Senato, che non è colpa del Pd se le acque non si muovono. E che quindi, in futuro, potrebbero essere necessarie delle mere correzioni tecniche. Magari da fare attraverso un decreto.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su