Header Top
Logo
Martedì 17 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi incontra big Pd, test per valutare tenuta maggioranza

colonna Sinistra
Venerdì 13 gennaio 2017 - 20:39

Renzi incontra big Pd, test per valutare tenuta maggioranza

Colloqui con Zanda, Cuperlo, Fassino, Martina e Franceschini
20170113_203857_C513B86F

Roma, 13 gen. (askanews) – L’obiettivo, assicura chi ha parlato con Matteo Renzi, resta sempre lo stesso: andare a elezioni politiche il prima possibile, realisticamente a giugno. Ma, è questa sembra essere la novità, il leader Pd non vuole strappi dentro al partito e si muove per garantirsi la tenuta della maggioranza che lo ha sorretto in questi anni. Per questo, spiegano, Renzi ha avviato da giorni un giro di colloqui con tutti i big del Pd, consultazioni proseguite anche oggi al Nazareno. Renzi, arrivato verso le 8 in ufficio, ha incontrato tra gli altri Luigi Zanda, Gianni Cuperlo, Piero Fassino, Maurizio Martina e avrebbe avuto almeno un colloquio telefonico con Dario Franceschini. Nel primo pomeriggio, poi, il segretario Pd è andato a trovare Paolo Gentiloni al Policlinico Gemelli.

La versione ufficiosa racconta di colloqui dedicati in gran parte al rinnovo della segreteria, previsto per martedì o mercoledì della prossima settimana, ma il vero motivo dei colloqui sarebbe soprattutto testare la tenuta del partito rispetto al progetto di andare a votare in primavera. Con una postilla: “E’ fondamentale – spiega un dirigente renziano – che la maggioranza che sostiene Renzi resti salda: l’obiettivo è fare in modo che Franceschini, Orlando, Orfini, Martina, Fassino, stiano ancora con lui nei prossimi mesi e al congresso”.

Anche il rimaneggiamento della segreteria, spiegano, sembra funzionale soprattutto all’obiettivo di rinsaldare la maggioranza renziana. Gli ingressi di Fassino (che pare scontato) e quello di Martina (probabile) mirano proprio a rinsaldare il patto di sindacato che regge il Pd, concedendo anche qualcosa a chi da tempo chiede una gestione più collegiale.

Il punto, spiegano, è che Renzi si rende conto di quanto sia delicata la partita dei prossimi mesi. La possibilità di tornare al voto in primavera dipenderà molto dalla decisione della Corte costituzionale sull’Italicum e, paradossalmente, la scelta più complicata per il leader Pd sarebbe quella che sostanzialmente salva il ballottaggio, ipotesi circolata in questi giorni nel palazzo. Non a caso Lorenzo Guerini si è affrettato a dire che se la Consulta darà il suo ok al ballottaggio, il Pd è pronto ad estenderlo anche al Senato e per poi andare a votare proprio con la legge voluta da Renzi.

Paradossalmente, infatti, se la Consulta cancellasse il ballottaggio, ci si troverebbe con due ‘Consultellum’, uno per la Camera e uno per il Senato, certamente diversi tra loro, ma non incompatibili. Al contrario, se l’Italicum venisse promosso dalla Corte, Camera e Senato avrebbero due sistemi opposti, argomento forte per chi, come il capo dello Stato, chiede comunque di armonizzare i due sistemi di voto prima di andare a elezioni.

Molti, inoltre, mettono in guardia il leader: i tempi lunghi possono aiutare a ridimensionare M5s, c’è bisogno di “riconnettere il partito alla società”, bisogna dare qualche segnale e votando presto non ci sarebbe nessuna certezza di avere un risultato migliore.

Ma, tattica a parte, Renzi sa bene che sarà difficile trovare i numeri per correggere in tempi rapidi la legge elettorale. “Solo Renzi vuole votare presto – dice un parlamentare vicino al leader Pd – e non sarà facile far sciogliere le Camere tra febbraio e aprile”. Anche per questo Renzi lavora per rinsaldare la sua maggioranza. Se i tempi poi dovessero allungarsi, sarà importante tenere unite le varie correnti per vincere anche il prossimo congresso.

Adm red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su