Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pensioni, Grillo: Ape è il derivato più tossico della storia

colonna Sinistra
Mercoledì 19 ottobre 2016 - 17:30

Pensioni, Grillo: Ape è il derivato più tossico della storia

"E' una presa in giro e non risolve il problema"
20161019_173016_44C2127B

Roma, 19 ott. (askanews) – “La pensione anticipata attraverso il prestito implica che il cittadino venga messo nelle condizioni di scommettere sulla propria morte: il derivato più tossico che sia mai stato inventato”. Lo scrive Beppe Grillo in un post sul suo blog.

“L’anticipo pensionistico – afferma il leader M5s – permette ai lavoratori ai quali mancano almeno 3 anni per raggiungere il requisito di vecchiaia, di andare in pensione in anticipo grazie a un prestito bancario da rimborsare in 20 anni. Chi deciderà di andare in pensione con tre anni di anticipo rispetto all’età di vecchiaia potrebbe avere un taglio netto dell’assegno fino a circa il 20% secondo i calcoli della Uil”.

“Quasi – aggiunge – abbiamo paura a chiederci se il prestito è assicurato oppure no: nel primo caso si tratta di un’orgia assicurativa sostenuta con i soldi pubblici, nel secondo caso del fenomeno più divisivo dopo la legge sul divorzio degli anni ’70! Anni in cui dividersi e dividere le cose non aveva lo stesso significato che ha oggi. Non a caso il 71% degli italiani non si fida della misura del governo”.

“I pensionati – conclude Grillo – saranno avanti con l’età e con pochi soldi in tasca ma non sono rincoglioniti: l’Ape è una presa in giro e non risolve il problema di chi vuole riposarsi dopo una vita di lavoro e di contributi pagati. La prima cosa da fare è innalzare le pensioni minime e con il nostro Reddito di Cittadinanza la pensione minima sarà di 780 euro, la seconda cosa è abolire le pensioni d’oro. Restituiamo dignità ai cittadini e aboliamo i privilegi”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su