Header Top
Logo
Sabato 29 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi:referendum è su futuro Paese, su elezioni decide Mattarella

colonna Sinistra
Venerdì 7 ottobre 2016 - 13:36

Renzi:referendum è su futuro Paese, su elezioni decide Mattarella

D'Alema è la vecchia guardia che tenta di rientare in partita. Ma vinceranno i sì
20161007_133604_D5FEB796

Roma, 7 ott. (askanews) – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi lo ha ribadito, il referendum sulle riforme riguarda il futuro del Paese (e forse per questo osteggiato dalla “vecchia guardia”, a cominciare da Massimo D’Alema) e non certo il suo sul quale, soprattutto nel caso dovesse vincere il No, decideranno presidente della Repubblica e il Parlamento. Il premier ha colto l’occasione della sua partecipazione a Radio Anch’io per chiarire ancora una volta quello che ritiene essere l’obiettivo del referendum e per rispondere alle domande degli ascoltatori su Ue, manovra, famiglie, giustizia, fisco.

L’impegno principale di Renzi è stato quello di sgombrare il campo da retroscena e ricostruzioni di stampa che lo danno preoccupato per l’esito della consultazione referendaria e, di conseguenza, pronto a interrogarsi sul futuro suo e del governo.

Già in mattinata una nota di Palazzo Chigi aveva chiarito, riferendosi a quanto riportato da alcuni giornali, che nella giornata di ieri a Torino (dove il premier si era recato per promuovere il Sì al referendum) si è parlato molto del futuro non si è mai toccato – con “rivelazioni” e “confessioni” ai parlamentari a lui vicini – il futuro personale di Matteo Renzi.

E’ stato poi lo stesso premier, in radio, a spiegare il suo pensiero. “Quello che è in ballo non è il futuro di Renzi o del governo – ha detto – ma i prossimi vent’anni dell’Italia. Ogni discussione sul mio futuro personale, sul futuro del governo, sul futuro degli avversari lascia il tempo che trova”. E “a dispetto delle apparenze io sono convinto che a dicembre vinceranno i sì”.

In ogni caso, ha aggiunto, nel caso al referendum vincesse il No si dovrà esprimere Mattarella: “Le valutazioni sulla durata della legislatura spettano al presidente della Repubblica e al Parlamento, non al sottoscritto”, ha precisato.

L’intervento in radio ha permesso al presidente del Consiglio di replicare a Massimo D’Alema e alle sue posizioni di forte critica sulla gestione del partito e sui progetti di riforma costituzionale e elettorale. “Questo non è un derby tra Renzi e il resto del mondo, è un derby Italia contro vecchia guardia”, ha detto riprendendo una battuta di D’Alema che aveva sostenuto come il referendum si presentasse alla stregua di “un derby tra Renzi e il resto del mondo”. E comunque, ha precisato, “credo che D’Alema usi il referendum per rientrare in partita, vota no convinto di poter rappresentare il futuro” mentre lui “per me è il passato”.

Apprezzamento da Renzi arriva per le parole pronunciate da Pierre Moscovici, commissario Ue agli Affari economci, che ha aperto alla flessibilità per spese relative alla crisi migratoria, al terremoto e ha appoggiato l’azione del governo italiano, considerando la “minaccia populista” sempre più evidente nell’Ue.

L’Europa, ha detto Renzi, non deve essere usata come “luogo nel quale regolare i conti tra noi” e “noi, come italiani, dobbiamo far sentire la nostra voce tutti insieme”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su