Header Top
Logo
Mercoledì 22 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Senato respinge uso di intercettazioni Berlusconi. Accuse M5s-Pd

colonna Sinistra
Mercoledì 20 luglio 2016 - 12:23

Senato respinge uso di intercettazioni Berlusconi. Accuse M5s-Pd

Dem: grillini hanno salvato ex Cav. M5s: siete stati voi, è patto Nazareno
20160720_122327_42EC7449

Roma, 20 lug. (askanews) – L’aula del Senato ha respinto l’uso da parte dell’autorità giudiziaria delle intercettazioni telefoniche tra Silvio Berlusconi e le cosiddette “olgettine”. I voti a favore della richiesta della Giunta per le autorizzazioni a procedere (che si era invece espressa per l’utilizzazione delle intercettazioni) sono stati 120, i contrari 130 e gli astenuti 8. Il voto è stato a scrutinio segreto.

Proteste dai senatori grillini, finiti però nel mirino del Pd che li ha accusati, complice il voto segreto, di essere stati loro ad aver votato per il no all’uso delle intercettazioni salvando così l’ex Cav. “Prove di alleanza in aula tra M5S e destre”, ha detto Andrea Marcucci.

Accuse respinte al mittente e ribaltate dal M5s: “Il Pd con il voto segreto salva Berlusconi e prova a puntellare – ha detto il capogruppo in Senato Stefano Lucidi – la sua sempre più scricchiolante maggioranza. Un modo subdolo, dando la colpa ad altri come già accaduto in altre occasioni, giocato sulla pelle della Giustizia, per provare ad assicurarsi anche un comportamento benevolo da parte dei berlusconiani e del loro potente sistema mediatico nel referendum costituzionale. Il patto del Nazareno è risorto”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su