Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mattarella accoglie a Ciampino salme vittime italiane strage Dacca

colonna Sinistra
Martedì 5 luglio 2016 - 20:53

Mattarella accoglie a Ciampino salme vittime italiane strage Dacca

Il Parlamento le commemora con un minuto di silenzio. Boldrini
20160705_205343_6199C643

Roma, 5 lug. (askanews) – Il presidente della Repubblica SergioMattarella, insieme al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in rappresentanza del Governo, ha accolto all’aeroporto di Ciampino le salme delle nove vittime dell’attentato terroristico a Dacca, in Bangladesh, incontrando in forma privata i loro familiari. Per presenziare all’arrivo del Boeing 777 militare di Stato dell’aereonautica arrivato che ha rimpatriato dal Bangladesh le salme italiane, Mattarella ha anticipato il rientro dal Messico dove si trovava in questi giorni in visita di Stato.

In onore delle vittime della strage di Dacca il Parlamento ha osservato un minuto di silenzio e raccoglimento prima della loro commemorazione nelle aule di Camera e Senato.

“Il terrorismo non ha frontiere, colpisce a ogni latitudine, nessuno oggi può ritenersi al sicuro, questo è un fenomeno che può essere sconfitto solo se la comunità internazionale unisce le forze in una battaglia comune contro la barbarie del fondamentalismo bloccando i finanziamenti e l’approvigionamento delle armi”, ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini nel suo discorso a Montecitorio.

L’attacco terroristico di Dacca è stato “l’ultimo di una lunga scia di attacchi sanguinari”, in cui i “carnefici sono spietati esponenti dell’estremismo violento che cerca di minare i diritti ed i valori della pacifica convivenza degli uomini e delle culture”, ha fatto eco a palazzo Madama il presidente del Senato Pietro Grasso.”Spetta a tutti noi – ha sottolineato il presidente del Senato – reagire con fermezza a tale barbarie, sia attraverso lo strumento della prevenzione, sia riaffermando i temi della difesa della libertà, della dignità umana, dell’eguaglianza, che costituiscono elementi fondanti della nostra civiltà”.

Contro il terrorismo integralista dell’Isis e in ricordo commosso delle sue vittime italiane sono intervenuti tutti i gruppi parlamentari. “Sappiamo quanto sia difficile e lunga la lotta al terrorismo. Lo è stata negli anni ’70 e ’80 in Italia, lo è ancora di più ora che ha assunto un’incontrollata dimensione globale. Ma non possiamo accettare – ha affermato in particolare il capogruppo Pd Luigi Zanda- che questa barbarie continui. Non possiamo accettarlo perché abbiamo il dovere di difendere donne e uomini innocenti. Ma non possiamo accettarlo anche perché nella storia dell’umanità una violenza terroristica così sanguinaria e così diffusa è sempre stata l’anticamera della guerra, di una guerra che oggi sarebbe spaventosa”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su