Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi incalzato da minoranza Pd ma malumori anche tra i suoi

colonna Sinistra
Lunedì 20 giugno 2016 - 21:34

Renzi incalzato da minoranza Pd ma malumori anche tra i suoi

Dubbi Orfini, Delrio, Chiamparino, Fassino. Nella minoranza Speranza (ma non Cuperlo) contro doppio incarico
20160620_213429_889E1147

Roma, 20 giu. (askanews) – Lo scenario è quello che Matteo Renzi avrebbe voluto proprio evitare: il Pd che perde non solo Roma, evento ampiamente previsto dopo Mafia capitale e la vicenda-Marino, ma anche una roccaforte come Torino. Troppo perché nel partito non ci siano ripercussioni, l’operazione di spostare l’attenzione sul referendum di ottobre diventa impossibile in queste condizioni e, anzi, adesso proprio quell’appuntamento viene visto con ansia da molti renziani ‘critici’, quell’area che va da Graziano Delrio a Sergio Chiamparino, passando per giovani turchi, veltroniani e persino per i franceschiniani come Marina Sereni. Nessuno di loro mette in discussione il doppio ruolo di Renzi, come fanno invece Roberto Speranza e Pier Luigi Bersani (non seguiti però da Gianni Cuperlo) ma quasi tutti cominciano a dire ad alta voce che qualcosa non funziona.

Renzi, per ora, ha scelto di mettere da parte il lanciafiamme e di prendere tempo. In conferenza stampa il segretario-premier si limita a parlare di risultato che non bisogna “drammmatizzare o minimizzare”, rimandando però ad una “ampia e articolata discussione in sede di direzione del Pd”. Nessuna risposta a Speranza che ha subito attaccato: “Il Pd rischia di essere un leader carismatico in tv e una sommatoria di comitati elettorali sul territorio, ma io non gioco questo argomento contro una leadership, dico però che il doppio incarico non funziona”. L’ex capogruppo dice anche che “i numeri sono come pietre: il risultato è oggettivamente non buono per il Pd e dà un segnale molto chiaro a Renzi, al governo, a tutto il Pd”, bisogna “cambiare rotta”.

Un attacco duro, che uno dei franceschiniani descrive così: “Hanno messo in discussione Renzi come segretario, l’obiettivo è chiaramente quello di indebolirlo anche come premier”. Un affondo che finisce, paradossalmente, per spingere alla prudenza anche quella parte della maggioranza renziana – sempre più ampia – che pure ne ha di cose da dire. Peraltro, l’opa di Speranza e Pier Luigi Bersani sulla minoranza piace sempre meno a Gianni Cuperlo, che non a caso scrive su Facebook pochi minuti dopo che ha parlato l’ex capogruppo e aspirante sfidante di Renzi: “Non mi convince la sicurezza che porta alcuni a chiedere come primo atto la distinzione tra la carica di segretario e quella di premier”.Cuperlo, ovviamente, critica anche le frasi attribuite dai retroscena dei quotiani a Renzi e rilancia sulla legge elettorale, ma è significativo il suo smarcamento dai bersaniani.

Ma le perplessità sono anche nel fronte vicino al premier.Matteo Orfini dice: “Abbiamo bisogno di discutere e lo faremo. Io non saprei usare il lanciafiamme e mi brucerei, e non credo che lo userà Renzi”. Il presidente del partito ha giocato d’anticipo, i bersaniani lo hanno messo nel mirino da tempo, e ha annunciato per ottobre il congresso del Pd a Roma, un modo anche per stoppare sul nascere eventuali attacchi nei suoi confronti come commissario romano. Ma sia lui che Orlando pensano anche che il Pd debba essere gestito in maniera diversa, che non basti il giglio magico che circonda Renzi.

La stessa opinione di Chiamparino, di Delrio, di Piero Fassino, di molti altri. Walter Verini, veltroniano, la mette così: “Il tema del doppio ruolo non esiste, è giusto che Renzi sia segretario e premier. Ma noi stiamo governando l’Italia – e lo stiamo facendo anche bene – e il volto del Partito democratico in Italia è quello di un partito che litiga per chi fa l’assessore… Spesso siamo percepiti come ceto politico rissoso su lotte per il potere”.

Marina Sereni, vice-presidente della Camera, vicina a Fassino e Franceschini, aggiunge: “Temo un copione già visto, la minoranza che attacca sul doppio incarico e Renzi che cerca di buttare la palla avanti… Ma stavolta ci sarebbe bisogno di una discussione meno stereotipata, questo voto consegna tante cose diverse una dall’altra ma alcuni dati sono generali. Noi perdiamo contro M5s perché loro riescono a prendere il voto degli altri, mentre non accade il contrario. Ci sono elementi di critica da fare, per esempio come si organizza il Pd, che è cosa molto diversa dal tema del doppio incarico. Farei una discussione sul partito prescindendo dai litigi congressuali”.

Tutti, però, attendono di capire come intende muoversi Renzi. I contatti di questi giorni, il pre-partita della direzione, sarà fondamentale. “Bisogna capire – dice un parlamentare franceschiniano – se Renzi intende procedere con la logica del lanciafiamme, cosa che forse non è la più saggia, o se intende blindare l’asse con Orfini e Orlando e provare a cambiare tono con la minoranza, o con parte della minoranza”. Il premier sembra avere scelto la seconda opzione, almeno in queste ore.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su