Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Per l’Antimafia sono 14 gli “impresentabili” alle Comunali

colonna Sinistra
Martedì 31 maggio 2016 - 19:13

Per l’Antimafia sono 14 gli “impresentabili” alle Comunali

Bindi: liste civiche varco per mafie. A Roma liste Campidoglio ok ma quadro Municipi "non rassicurante"
20160531_191339_D149BF9E

Roma, 31 mag. (askanews) – Sono 14 i nomi dei candidati alle comunali del 5 giugno che la commissione Antimafia ritiene impresentabili nei 13 comuni al voto del 5 giugno monitorati. Lo ha reso noto la presidente, Rosy Bindi, presentando il risultato delle verifiche della Commissione parlamentare antimafia sulle liste e candidature in vista delle elezioni amministrative.Per quanto riguarda queste 14 posizioni, ha spiegato Bindi, sono “state riscontrate irregolarità”, di cui otto per incandidabilità in base alla legge Severino.

La presidente dell’Antimafia ha fatto osservare come “le liste civiche, fatte nel modo che abbiamo rilevato nei comuni che abbiamo preso in esame, siano un varco per le mafie è indubbio: non voglio delegittimare i tentativi dei partiti di trovare nelle liste civile una capacità di riscatto, ma che ci sia il 100% di liste civiche in quasi tutti i comuni sciolti per mafia qualcosa vuol dire”.

“Abbiamo preso in considerazione – ha riferito la presidente dell’Antimafia- 3.275 posizioni, di cui circa 2.200 solo nel comune di Roma, tra candidati al consiglio comunale e nel sesto municipio”. E “i candidati al consiglio comunale di Roma sono tutte situazioni che non si discostano dalle norme della legge Severino e del codice di autoregolamentazione”. E questo, dopo Mafia Capitale, “è un dato consolante”. Anche se a Roma, in vista delle prossimeelezioni comunali, è stato accertato un “esiguo numero, rispettoa oltre duemila candidati, di soggetti riconducibili allefattispecie della legge Severino e del codice diautoregolamentazione” e “deve segnalarsi che il quadrogenerale” della Capitale “non appare egualmente rassicurante”.

Tra le oltre 9 mila candidature (considerando anche i 14municipi, con 321 liste ammesse, per i quali sono statipresentati 8.018 candidati), l’Antimafia si è soffermata suquelle relative al Consiglio comunale (1532 candidati), allapresidenza dei municipi (130 candidati) e al consiglio del VIMunicipio (551 candidati), per un totale di 2.213 posizioni (dicui 13 candidati sindaco).

Dall’analisi svolta, la Commissione ha rilevato “pochi casi” dicandidati rientranti nel disposto della legge Severino o delcodice di autoregolamentazione: in particolare per quantoriguarda il VI Municipio – periferia Est della capitale, checomprende alcuni quartieri “difficili”, anche noti alle cronachenere come Tor Bella Monaca – 2 candidati violano i parametridella legge Severino (uno per incandidabilità e uno perpotenziale ineleggibilità), mentre altri 2 violano il Codice diautoregolamentazione della commissione; nel Consiglio comunaleinvece è stata rilevata una sola violazione in base al Codice diautoregolamentazione.

“I candidati del Consiglio comunale di Roma – ha comunquesottolineato la presidente della Commissione, Rosi Bindi – sonotutte situazioni che non si discostano dalle norme della leggeSeverino”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su