Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Giunta Camera vara regole per registro lobbisti a Montecitorio

colonna Sinistra
Martedì 26 aprile 2016 - 20:34

Giunta Camera vara regole per registro lobbisti a Montecitorio

Pisicchio: "Siamo all'avanguardia". M5S si astiene: 'Serve legge'
20160426_203423_AF2CE9CA

Roma, 26 apr. (askanews) – La Giunta per il regolamento della Camera ha approvato, con la sola astensione del Movimento 5 stelle, una “decisione” che servirà a regolamentare l’attività dei lobbisti a Montecitorio. Secondo Pino Pisicchio, presidente del gruppo Misto e relatore del testo sul lobbismo, si viene così “a completare il progetto che porta il Parlamento italiano a dotarsi di un codice etico all’avanguardia, tra i primi dieci del mondo democratico. Nonostante le parole irrispettose di qualcuno, la Giunta è riuscita ad ottenere un risultato eccellente, che rende più trasparente l’attività di condotta dei deputati e la rappresentanza degli interessi”.

I portatori di interessi dovranno iscriversi a un registro, dichiarare per conto di chi lavorano (se non sono liberi professionisti) e ogni anno compilare una relazione nella quale rendiconteranno gli incontri e le questioni delle quali si sono interessati. Non potranno svolgere questo lavoro i condannati per reati di falso, per reati contro il patrimonio e contro la pubblica amministrazione. Per gli ex parlamentari e gli ex esponenti del governo non sarà possibile richiedere l’iscrizione per dodici mesi dalla cessazione del mandato (i 5 stelle chiedevano un periodo più lungo). “La violazione delle disposizioni – ha spiegato Pisicchio – sarà sanzionata dall’applicazione di sanzioni previste dall’ufficio di presidenza, proporzionate alla gravità dell’infrazione” e che vanno dalla sospensione fino al ritiro dell’iscrizione al registro e quindi della possibilità di svolgere la propria attività lobbistica. Resta demandata all’ufficio di presidenza di Montecitorio anche l’individuazione degli spazi fisici entro i quali consentire la presenza e l’attività dei lobbisti durante i lavori parlamentari.

“Si tratta di una regolamentazione molto blanda e insufficiente”, ha dichiarato Danilo Toninelli del M5S, spiegando l’astensione del suo gruppo in Giunta del regolamento. “Abbiamo lavorato in modo serio a queste nuove regole con i nostri emendamenti, che sono stati accolti solo in parte: ad esempio quello grazie al quale si è iniziato a specificare le possibili sanzioni. Ma serve altro, serve una legge per regolare l’attività di petrolieri, banchieri e simili in relazione al Parlamento”.

La decisione, non comportando una modifica regolamentare, è immediatamente operativa, anche se richiederà dei tempi tecnici perché gli uffici di Montecitorio organizzino la nuova regolazione degli accessi ai palazzi della Camera.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su