Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Inchiesta sul petrolio, Boschi smentisce incontri con Total

colonna Sinistra
Martedì 5 aprile 2016 - 13:21

Inchiesta sul petrolio, Boschi smentisce incontri con Total

In Parlamento le mozioni di sfiducia al governo, da M5S e centrodestra
20160405_132126_9E08E447

Roma, 5 apr. (askanews) – Nessun incontro o riunione con rappresentanti della Total anche se “rientra nella normale attività istituzionale incontrare dirigenti di aziende o multinazionali”. Il ministro Maria Elena Boschi ci tiene a precisarlo con una nota del suo ufficio stampa quando molti giornali ricostruiscono l’incontro tra la titolare delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento e i magistrati di Potenza. Intanto, sul fronte delle opposizioni, si scaldano i motori per la sfiducia al governo. E i primi ad arrivare sono i Cinquestelle.

In primo piano il Movimento cinque stelle, i cui parlamentari sono sbarcati in forze in Basilica annunciando un “blitz” allo stabilimento Tempa Rossa ma venendo poi rimandati indietro. “E’ stato vietato a una delegazione di parlamentari del M5S l’ingresso all’impianto di Tempa Rossa – spiegano -, in quello che si rivela agli occhi come una sorta di ‘principato’ della Total in territorio italiano”. Collegati con vari talk show i cinquestelle tuonano contro il governo e il premier Matteo Renzi “che va a braccetto con i petrolieri e non con i cittadini”, annunciano la loro proposta – “chiudere tutti i pozzi petroliferi” e riconvertirli investendo nelle energie rinnovabili “che porterebbero con un milione di investimenti 17 mila posti di lavoro” – e soprattutto garantiscono che la mozione di sfiducia c’è eccome.

A fine mattinata, infatti, come aveva anticipato il senatore Nicola Morra, arriva la mozione M5S. “Chiediamo al Presidente Grasso di convocare subito la conferenza dei capigruppo – spiega Nunzia Catalfo, capogruppo M5S in Senato – così da calendarizzare l’esame della mozione in Aula il più presto possibile. Vogliamo che questo governo amico dei petrolieri e nemico della salute dei cittadini e dell’ambiente vada a casa”. Una mozione che, come in altri casi, non vede un fronte unico delle opposizioni. Anzi. Ma i Cinquestelle sono “pronti – conclude Morra – a valutare ed eventualmente a votare altre mozioni di sfiducia”.

E anche “il centrodestra compatto – fa sapere il capogruppo di FdI Fabio Rampelli – sta per depositare la mozione di sfiducia al governo Renzi, non solo e non tanto perché i suoi ministri a intervalli regolari vengono travolti dagli scandali ma perché è un governo fragile. In quanto tale, risponde ai poteri forti – banchieri o petrolieri che siano – e non agli interessi deboli e diffusi del popolo italiano”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su