Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Di Maio (M5s): in “Trivellopoli” governo dentro fino al collo

colonna Sinistra
Lunedì 4 aprile 2016 - 14:27

Di Maio (M5s): in “Trivellopoli” governo dentro fino al collo

Blog Grillo rilancia il suo video: "benvengano le querele sul Pd"
20160404_142706_A056E64F

Roma, 4 apr. (askanews) – “Noi sappiamo benissimo che in questo affare di “Trivellopoli” c’è tutto il governo coinvolto. Il governo ha fatto una legge che consente alla Total a Tempa Rossa di non avere più bisogno di certificazioni, che non avrebbe potuto avere. E un cittadino che vuole aprire un negozio ha bisogno di diecimila certificazioni: la “sburocratizzazione” vale solo per i petrolieri. Il nostro obiettivo con la mozione di sfiducia è mandare via questo governo. I cittadini pensano: “Ecco l’ennesimo comitato d’affari”, ed hanno ragione: dopo Banca Etruria e Mafia Capitale è chiaro che questo è un metodo di governo. Si fanno leggi solo per banchieri, petrolieri e delinquenti, è un governo schiavo delle lobby e di amici degli amici”. Lo ha affermato il vicepresidente M5s della Camera Luigi Di Maio, nel ricorso della trasmissione di La7 “L’Aria che tira”, viderilanciato dal blog di Beppe Grillo che lo definisce “spettacolare”.

“Mi querelino pure: se dobbiamo andare in tribunale, come accadde ai tempi di Tangentopoli, per sapere se il Pd prende il finanziamento elettorale dai petrolieri – ha detto ancora Di Maio- allora ben venga. Quanto al referendum, Renzi ha fatto la stessa cosa che fece Berlusconi ai tempi del referendum sul nucleare, fissandolo in una data lontano dalle amministrative per provare a sabotare il quorum”.

“Il petrolio che si estrae in Italia – ha proseguito l’esponente del direttorio M5s- non resta agli italiani, le multinazionali ci pagano le royalties, che sono le più basse del mondo. E poi, chi è che misura quanto petrolio viene estratto? Sono gli stessi petrolieri! Non vi viene il sospetto che i 2 miliardi di royalties poi non saranno 2 miliardi? E soprattutto, non dobbiamo dimenticare il disastro ambientale per cittadini, agricoltori, allevatori: vale di più o di meno? Oggi investendo 1 miliardo di euro in petrolio si producono circa mille posti di lavoro, lo stesso miliardo investito in energie rinnovabili produce 17 mila posti di lavoro, e senza rischi ambientali. Allora è un investimento Tempa Rossa, oppure con gli stessi investimenti potevamo attrarre aziende chi si occupano di microeolico, fotovoltaico eccetera? E la bolletta dei cittadini si sta alzando o abbassando?”

“L’Italia è un Paese che ha la sua forza nel manifatturiero delle piccole e medie imprese – ha affermato ancora Di Maio- non certo dei Marchionne. Noi dobbiamo aiutarle, come il M5s ha fatto tagliandosi gli stipendi e finanziando il microcredito”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su