Header Top
Logo
Mercoledì 26 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Brunetta: servirà manovra da 40-50 mld, ottobre nero per Renzi

colonna Sinistra
Mercoledì 30 marzo 2016 - 14:50

Brunetta: servirà manovra da 40-50 mld, ottobre nero per Renzi

"E' noto, i governi cadono in autunno"
20160330_145013_31029C9A

Roma, 30 mar. (askanews) – La prossima manovra dovrà essere di “40-50 mld”, sarà un “ottobre nero” per Matteo Renzi, secondo il capogruppo Fi alla Camera Renato Brunetta. “Sulla base delle ultime previsioni pubblicate da Ocse, Fondo monetario internazionale, Commissione europea, Banca d’Italia, Corte dei Conti, Istat e Standard & poor’s sull’andamento del Pil e dell’inflazione in Italia, nel 2016 avremo una crescita nominale (data da crescita reale più inflazione) nel nostro paese pari, se va bene, all’1,3% (1%-1,1% di crescita reale più 0,2% di inflazione)”.

Insomma, “esattamente la metà del 2,6% (1,6% di crescita reale più 1% di inflazione) previsto dal governo nei suoi ultimi documenti di finanza pubblica (Nota di aggiornamento al Def).Ma noi temiamo possa andare ancora peggio, perché le stime ad oggi disponibili non scontano ancora gli effetti dell’aggravata deflazione, degli ultimi attacchi terroristici e dell’incertezza delle aspettative di consumatori e imprese che ne deriva”.

Per Brunetta, “i numeri, quindi, possono soltanto peggiorare. A questo punto, come fanno a tenere i conti Renzi e Padoan? Irresponsabili. Da quando sono al governo hanno sbagliato tutta la politica economica e imbrogliato i cittadini e l’Europa con il gioco delle tre carte”.

“Da qui a ottobre – continua – sarà un crescendo tragico per Renzi. Fino a quando, in un mese solo, si concentreranno, da un lato, il referendum sulla riforma costituzionale e, dall’altro, la recessione economica – che farà manifestare in tutto il suo fulgore il flop del Jobs act, con relativo aumento della disoccupazione e crollo dei consumi – e la manovra da fare necessariamente nella Legge di stabilità per correggere i conti: 21,8 miliardi per riportare il deficit dal 2,4% del 2016 all’1,1% del 2017 pattuito con l’Europa; 17 miliardi per evitare le clausole di salvaguardia già previste per il 2017; e altri 5-8 miliardi per colmare i buchi delle mancate privatizzazioni e della mancata Spending review. Totale: 40-50 miliardi.Caro Renzi, è noto: i governi cadono in autunno…”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su