Header Top
Logo
Venerdì 28 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Scontro su mafia. Di Maio “chiama” Mattarella, Renzi: meschino

colonna Sinistra
Domenica 20 marzo 2016 - 19:16

Scontro su mafia. Di Maio “chiama” Mattarella, Renzi: meschino

M5s: "Fondi bloccati". Pd ribatte: 'Non è vero, si dimetta'
20160320_191630_993D08F4

Roma, 20 mar. (askanews) – Si infiamma lo scontro tra MoVimento Cinque Stelle e Partito Democratico sul fondo per le vittime della mafia. I grillini, in testa Luigi Di Maio, denunciano il blocco delle risorse e si rivolgono al presidente Mattarella, ma la risposta del Pd è durissima: per Matteo Renzi si tratta di una “strumentalizzazione misera e meschina” dei martiri della lotta alla criminalità organizzata, e i Dem chiedono che Di Maio si dimetta dalla vicepresidenza della Camera.

Il caso scoppia ieri, quando Di Maio – partecipando alla commemorazione di don Peppe Diana, ucciso dalla camorra – denuncia: “Don Diana è stato ucciso un’altra volta, dal governo Renzi che ha bloccato i fondi per risarcire i famigliari delle vittime di mafia”. Accusa rilanciata oggi in un video postato su Facebook, in cui Di Maio rivolge un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché intervenga per sollecitare lo sblocco del fondo.

Accusa cui oggi reagisce lo stesso Renzi. Prima affermando che “questo governo ha aumentato i fondi per chi denuncia la mafia e per le famiglie delle vittime” e poi attaccando pesantemente l’esponente Cinque Stelle: “Pensare che di fronte a dei martiri della camorra si possano utilizzare le cerimonie e le ricorrenze per tirare addosso agli altri partiti è il segno più meschino e misero cui può arrivare la politica. Certe pagine non vanno scritte, c’è un limite oltre cui non si può andare”, dice Renzi intervenendo al congresso dei Giovani Democratici.

Dai deputati Pd arriva poi la richiesta di dimissioni a Di Maio dalla carica di vice presidente della Camera. E lo fa il capogruppo Pd, Ettore Rosato: “Ha detto menzogne nel suo ruolo istituzionale strumentalizzando una vittima della camorra per interessi di parte. Il suo atteggiamento non è compatibile con il ruolo istituzionale che ricopre. Dovrebbe rendersene conto da solo. Auspico che presenti le immediate dimissioni da ruolo di vicepresidente della Camera”. Non solo: “Di Maio è stato in silenzio quando doveva parlare di camorra, in occasione delle intercettazioni di Quarto. Poi ha aspettato il ricordo di Don Diana per dire falsità strumentali”.

Ma il MoVimento Cinque Stelle insiste, e con Di Maio replica seccamente: “Rispedisco al mittente le accuse e gli insulti di Renzi nei miei confronti e ribadisco la realtà dei fatti: il fondo per le vittime delle mafie è bloccato”. Nel merito, Di Maio spiega: “Quel fondo di rotazione esiste e nessuno ha mai detto il contrario. Il punto è un altro. I soldi sono fermi da mesi. Il motivo? Il comitato che gestisce il fondo non viene fatto riunire sull’argomento dal commissario che lo presiede (nominato da Alfano) dal novembre 2015 perché proprio il ministro dell’Interno ha chiesto un parere al Consiglio di Stato. Da allora tutto è fermo. Il Consiglio di Stato ha fatto sapere, ovviamente, che i fondi andavano erogati così come dice la legge e allora, mi domando, perché non vengono destinati alle vittime delle mafie? A che gioco sta giocando Alfano?”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su