Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Al via “Cosmopolitica”: ex Pd e Sel per andare oltre Vendola

colonna Sinistra
Venerdì 19 febbraio 2016 - 20:11

Al via “Cosmopolitica”: ex Pd e Sel per andare oltre Vendola

Primo giorno di lavori a Roma, congresso costituente a dicembr
20160219_201143_39135ABF

Roma, 19 feb. (askanews) – Il processo costituente di un nuovo soggetto politico a sinistra: se vi sembra di averlo già sentito dire, è perché il tentativo non è nuovo. Si è aperto a Roma con la prima delle tre giornate di “Cosmopolitica”, assemblea che raduna, insieme a pezzi dell’associazionismo e di esperienze di movimento della sinistra, i recenti transfughi del Partito democratico con le truppe di Sinistra ecologia libertà. Orfana, per l’occasione, di Nichi Vendola, forse in arrivo dal Canada domenica. Il partito si chiamerà, per ora, Sinistra italiana, “ma a decidere sarà il congresso in programma a dicembre”, spiega Arturo Scotto, che di Si è capogruppo alla Camera.

A spingere per una collocazione decisamente alternativa al Pd è l’ala guidata da Nicola Fratoianni, coordinatore di Sel: “Nessun accordo è possibile, il centrosinistra come lo conoscevamo è morto”. Del resto, se un dirigente di lungo corso proveniente dall’ortodossia moderata del vecchio Pci e della Cgil come Sergio Cofferati arriva a ipotizzare alleanze con i 5 stelle, “anche se so che loro non sono d’accordo”, è evidente che il percorso nel quale si colloca la creatura che dovrebbe nascere è assolutamente inedito. Un percorso che però incontra resistenze interne corpose e che ha già determinato un sostanziale distacco dall’ala più “governativa”: domani saranno i sindaci di Cagliari e Milano, Massimo Zedda e Giuliano Pisapia, ospiti non “parlanti”, a rendere evidente l’esistenza di un settore influente della ex sinistra radicale che non è disposto ad abbandonare il rapporto privilegiato col Partito democratico.

In platea sono parecchi i “compagni” coetanei di Cofferati, e non mancano personalità della sinistra protagoniste di stagioni ancor più lontane della storia della famiglia comunista, come Aldo Tortorella o i fondatori del Manifesto Valentino Parlato e Luciana Castellina. In giornata, l’intervento più applaudito dalla platea invoca “volti nuovi” per il gruppo dirigente, e la stessa assenza, almeno iniziale, di Vendola è figlia probabilmente della consapevolezza che solo un rinnovamento profondo può dare la spinta giusta per ricostruire un tessuto di militanza sfilacciato e disperso da troppe sconfitte e troppe scissioni. Non a caso Laura Boldrini, presidente della Camera dove è approdata proprio grazie alle liste “aperte” di Sel, parla, in una videointervista concessa per l’occasione, dell’esigenza di una forza “per i demotivati” o chi non si è mai impegnato in politica, una forza che susciti entusiasmi.

Si vedrà: per ora tanto Scotto quanto l’ex bersaniano Alfredo D’Attorre guardano agli assenti importanti, a cominciare dal leader di Possibile, Pippo Civati, con la speranza di incontrarlo più avanti. “Nessuno è proprietario – garantisce D’Attorre – del processo costituente”. Sel intanto ha sospeso il tesseramento, e quanto alla scelta di dicembre per il congresso di fondazione, D’Attorre la spiega così: “Il referendum costituzionale, che viene prima, sarà occasione di incontro con tante forze che si uniranno a noi nel fronte del no”. E il leader? Al momento non si vede all’orizzonte: i “giovani turchi” in salsa vendoliana vorrebbero promuovere Fratoianni, per ora la figura più autorevole in giro è Cofferati. Il quale fa il padre nobile, ma a chi gli ricorda la corsa del settantenne Bernie Sanders negli Usa e la vittoria di Jeremy Corbyn al congresso del Labour inglese, personalità non troppo dissimili dalla sua scheda anagrafica, concede: “Non va escluso mai nulla, l’importante è che sia chiaro che puntiamo sui giovani”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su