Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pd dice sì a impianto ddl unioni civili, si lavora sulle adozioni

colonna Sinistra
Martedì 26 gennaio 2016 - 17:14

Pd dice sì a impianto ddl unioni civili, si lavora sulle adozioni

Una settimana per mediare. Limiti alla libertà di coscienza
20160126_171429_77578FC8

Roma, 26 gen. (askanews) – Il Pd ritrova l’unità nel dire sì al voto finale sul ddl Cirinnà per le unioni civili. Resta da definire un possibile accordo sul tema della stepchild adoption.Questo l’esito dell’assemblea dei senatori in cui è stato anche deciso di rivedersi tra una settimana per stabilire su quali emendamenti verrà lasciata la libertà di coscienza. Come ha spiegato il capogruppo Pd al Senato, Luigi Zanda, “il Pd deve avere una linea. Non facciamo correnti”.

A rendere più agevole il percorso parlamentare della legge potrebbe essere l’intesa che Zanda sta cercando di trovare con le opposizioni perchè riducano il numero degli emendamenti. Lo scoglio più duro, come sempre, è la Lega che ne ha depositati 5mila sui circa 6mila totali. Gli altri provengono da Fi e dall’alleato di governo Ap. Se si riuscisse a ridurre il numero di emendamenti Andrea Marcucci ha già fatto sapere che ritirerebbe il suo ‘canguro’, emendamento che impedirebbe anche le modifiche frutto delle trattative interne al Pd sulle adozioni: “Sull’articolo 5 le distanze sono minime – sottolinea il parlamentare renziano – bisogna trovare un accordo fino all’ultimo. Insieme al collega Pagliari, credo che l’affido biennale pre-adottivo possa essere un buon contributo. L’unità del Pd è la maggiore garanzia di approvazione della legge. Chiedo a tutto il Pd un piccolo sforzo sul mio emendamento che ho firmato con Pagliari”, ha proposto Marcucci ricordando “lo smacco dei Dico, superiamo quello smacco”.

Anche la minoranza dem è intervenuta all’assemblea con Federico Fornaro per sollecitare un accordo: “Se dovesse nascere una corrente cattolica – ha avvertito – sarebbe un fallimento del progetto del Pd che è nato con una visione riformista per superare vecchi steccati tra laici e cattolici”.

La cattolica Maria Rosaria Di Giorgi non nasconde che ci potrebbe essere una soluzione accettabile: “In prospettiva vedo una stepchild adoption temperata – ha detto al termine dell’assemblea – se riusciamo a intervenire anche sulla base di alcuni emendamenti che sono stati presentati e che potrebbero essere interessanti, ai quali guardiamo con attenzione”.

Monica Cirinnà, autrice del testo, è ottimista: “Dopo il voto di oggi l’accordo nel Pd è più vicino. I senatori hanno detto unanimemente che voteranno sì nel voto finale alla legge. Restano delle opinioni diverse sulle adozioni ma abbiamo una settimana di tempo per trovare un’intesa”. I tempi potrebbero aiutare a sciogliere i nodi ancora sul tavolo. Giovedì il ddl approda nell’Aula del Senato ma solo per il voto sulle pregiudiziali e l’inizio della discussione generale, le votazioni sugli emendamenti entreranno nel vivo solo da metà della prossima settimana, quindi dopo il family day e questo potrebbe aiutare a riavvicinare le posizioni di laici e cattolici.

Certo restano le insidie dei voti segreti, che le opposizioni sicuramente chiederanno ma su questo Zanda oggi è stato chiaro: “Ce ne infischiamo del voto segreto, il Pd esprime le proprie opinioni, anche diverse, alla luce del sole”, e comunque anche la libertà di coscienza avrà un limite che i vertici dem chiariranno nei prossimi giorni.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su