Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi: triste dover parlare di sospensione Schengen, spero di no

colonna Sinistra
Venerdì 22 gennaio 2016 - 13:36

Renzi: triste dover parlare di sospensione Schengen, spero di no

Non si bloccano così i terroristi, molti nati nelle nostre città
20160122_133646_540A1B36

Roma, 22 gen. (askanews) – L’accordo di Schengen “è molto messo in dubbio ed è triste dover parlare di questo”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi a Rtl 102.5. “Oggi – ha aggiunto – è messo in discussione: noi dobbiamo essere molto seri rispetto alle paure, attenti e prudenti ma dobbiamo essere anche i più forti a richiamare il valore dell’Ue”.

“Non è che sospendendo Schengen si bloccano i terroristi – ha spiegato Renzi – perché alcuni terroristi sono cresciuti nelle nostre città. Con la paura si mettere a rischio l’idea di Europa e spero di no. Non dipende dal governo italiano: noi siamo dalla parte di chi ritiene giusto mantenere forte e pesante il controllo di polizia ma questo non significa sospendere il presupposto dell’Ue dal punto di vista della libera circolazione. Se avverrà ne trarremo le conseguenze”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su