Header Top
Logo
Giovedì 19 Settembre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Calenda ambasciatore Ue, svolta “politica” che preoccupa i diplomatici

colonna Sinistra
Mercoledì 20 gennaio 2016 - 14:47

Calenda ambasciatore Ue, svolta “politica” che preoccupa i diplomatici

Si temono nuove nomine fuori dal corpo diplomatico
20160120_144705_EFCA0C4D

Roma, 20 gen. (askanews) – Carlo Calenda, vice ministro dello Sviluppo economico, sarà il prossimo ambasciatore a Bruxelles. Un politico manager, non un diplomatico. Il primo, probabilmente non l’ultimo. La svolta voluta da Chigi ha un duplice destinatario: l’Unione europea, che, come ha più volte ribadito Matteo Renzi nelle ultime settimane, deve capire in fretta che il mondo è cambiato; l’intero apparato degli ambasciatori italiani nel mondo, che rischiano di dover fare meno affidamento alla loro tradizionale arte della mediazione, per dare piena espressione a una forte determinazione politica, di parte. Qualcuno ha già recepito il messaggio: “Stefano Sannino”, l’ambasciatore uscente il Rappresentante permanente d’Italia presso l’Unione Europea, “paga la sua stretta vicinanza alla Commissione, alle istituzioni Ue. E invece adesso il governo chiede un maggiore distacco, una posizione più apertamente nazionale. E Sannino, che è bravissimo, non è la persona giusta”.
Già mesi fa, fonti diplomatiche avevano avvertito su quello che veniva considerato un pericolo, ovvero sposare il modello Usa che prevede la nomina di ambasciatori “politici”. Un’eventualità certamente possibile anche in Italia, eppure senza precedenti negli ultimi 60 anni. La nomina di Calenda potrebbe trovare nuove conferme in futuro. Sono in molti ad attendere le decisioni di Chigi sulla delicatissima sede di Tripoli, in Libia, quando sarà riaperta. La scelta potrebbe ricadere su Alessandro Bellodi.Secondo diverse fonti, è l’ex capo delle relazioni istituzionali dell’Eni e, al di là del tentativo di governare una matassa geopolitica piuttosto complicata, si troverebbe a gestire un dossier economico-finanziario bollente.
Un rischio, appunto, almeno nell’opinione espressa da alcune fonti contattate da askanews, che hanno segnalato un misto di generale irritazione e preoccupazione nel corpo diplomatico, ricordando come già il governo di Silvio Berlusconi aveva tentato di intraprendere la stessa strada, salvo poi desistere.
Considerato una figura di confine, anche se diplomatico di lungocorso, è invece Armando Varricchio. Esperienza da vendere inEuropa e oltreoceano, è molto vicino al premier, di cui èConsigliere diplomatico. E’ lui il prescelto per la prestigiosasede di Washington, dove andrà a sostituire Claudio Bisogniero,nell’anno in cui sono previste le presidenziali Usa. Conosce giàla sede, ci ha lavorato, è stato consigliere anche di RomanoProdi ed Enrico Letta, ha lavorato al Quirinale con GiorgioNapolitano. Quanto basta per essere un ambasciatorediplomatico-politico.
Aer

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su