Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ue, Juncker: non so perché Renzi ci critica, ma non sono ingenuo

colonna Sinistra
Venerdì 15 gennaio 2016 - 11:19

Ue, Juncker: non so perché Renzi ci critica, ma non sono ingenuo

"Flessibilità per conti pubblici l'ho introdotta io, non lui"
20160115_111936_DF7ABCCA

Bruxelles, 15 gen. (askanews) – C’è un “problema con l’Italia”, il cui primo ministro “il mio amico Matteo Renzi” ci critica e insulta regolarmente, e per questo “mi recherò in visita a fine febbraio” a Roma, visto che “Renzi si lamenta del fatto che non ci sono ancora mai andato”. Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, durante la sua conferenza stampa di inizio anno, oggi a Bruxelles.

“Esito a esprimermi con lo stesso vigore con cui Renzi si rivolge a me, non credo che faciliti le cose, e potrei fare grandi dichiarazioni d’amore per l’Italia, visto che sono cresciuto nel sud del Lussemburgo” in mezzo agli immigrati italiani, ha osservato Juncker aggiungendo subito: “Credo che il primo ministro italiano, che io rispetto e amo molto, abbia torto a insultare e criticare la Commissione regolarmente. Non so perché lo fa, da tempo ho lasciato la politica interna. Ma l’Italia – ha continuato – non dovrebbe criticare troppo la Commissione”.

“Abbiamo introdotto – ha sottolineato Juncker – una dose di flessibilità aumentata nelle politiche di bilancio, spesso contro la volontà di paesi importanti che si dice dominino l’Europa, e l’Italia gode pienamente di questa flessibilità. Sono sorpreso – ha affermato il presidente della Commissione – di sentire Renzi dire, come ha fatto alla fine del semestre di presidenza italiano, che è stato lui a introdurre la flessibilità. Sono stato io, non lui; con il suo accordo, ma sono stato io. Vorrei che su questi punti – ha proseguito Juncker – ci si attenesse alla realtà e alla verità”.

Si insulti pure la Commissione, io mi metto in tasca il rancore e l’irritazione, ma si cessi di pensare che io sia ingenuo. Non lo sono”, ha concluso il presidente della Commissione.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su