Header Top
Logo
Giovedì 27 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lupi: no a maggioranze variabili, Pd non si consegni alla sinistra

colonna Sinistra
Martedì 5 gennaio 2016 - 18:06

Lupi: no a maggioranze variabili, Pd non si consegni alla sinistra

"Renzi pensa di cambiare con il Paese con Sel e con i grillini?"
20160105_180553_9F809AA8

Roma, 5 gen. (askanews) – “Il Pd e il suo segretario devono decidere se questo governo sarà anche per il 2016 un governo per il cambiamento del Paese o se l’eterno congresso interno al partito renderà l’esecutivo ostaggio della sinistra più conservatrice”. Lo afferma Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area Popolare.

“Sentiamo importanti personalità di vertice del Pd – prosegue – parlare di convergenze con Sel e con i 5 stelle, di maggioranze variabili che nella storia della democrazia italiana non hanno mai portato grande fortuna. Renzi pensa di cambiare con il Paese con Sel, con i grillini, mentre loro parlano di emergenza democratica, di legge elettorale liberticida, di massacro sociale a proposito del Jobs Act? Continuerà con loro l’azione riformatrice mentre raccolgono le firme per bocciare le riforme che ha già fatto? Sbloccherà con loro l’Italia dopo che i governatori del Pd l’hanno costretto alla marcia indietro sulle ricerche di gas e sulle trivellazioni che solo pochi mesi fa il premier vantava come un grande contributo al fabbisogno degli italiani? Consegnerà alla sinistra più ideologica la soluzione unilaterale del problema delle unioni civili invece di lavorare a una buona legge che non laceri l’istituzione fondamentale della nostra società e dell’economia, quella famiglia che il governo dice di sostenere e alla quale ha dedicato provvedimenti importanti?”.

“Vedere il Pd tornare nelle secche dei veti incrociati interni alla sinistra che hanno per anni condannato l’Italia all’immobilismo – sottolinea Lupi – certo non fa piacere e in ogni caso rischia di bloccare anche l’azione dei prossimi due anni di governo. Come ha detto oggi su Repubblica Angelino Alfano, noi non rinunceremo alla nostra identità e a ricordare a tutti che il senso di questa legislatura e di questo esecutivo è continuare a lavorare perseguendo lo scopo per cui è nato: una coraggiosa azione di cambiamento. Mi auguro che il Partito democratico su questo faccia chiarezza al più presto”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su